Il settore alimentare italiano continua a riprendersi ad aprile

Il valore delle vendite legate al cibo in Italia è aumentato ad aprile, ha riferito martedì l’ente statistico del governo, poiché il graduale allentamento delle restrizioni del coronavirus su ristoranti e bar ha aiutato il settore a iniziare la sua ripresa.

Roma (UrduPoint/Pakistan Point News – 9 giugno 2021): il valore delle vendite legate al cibo è aumentato in Italia ad aprile, ha riferito martedì l’ente statistico del governo, poiché il graduale allentamento delle restrizioni del coronavirus su ristoranti e bar ha aiutato il settore. avviare il recupero.

Secondo gli ultimi dati dell’Istituto nazionale di statistica (Istat), le materie prime alimentari sono aumentate dell’1,0 per cento ad aprile rispetto al mese precedente sia in valore totale che in volume. Rispetto allo stesso mese del 2020, le vendite di generi alimentari sono aumentate dello 0,6 percento in valore e dell’1,2 percento in volume.

L’aumento delle vendite di generi alimentari è avvenuto nonostante un calo delle vendite non alimentari ad aprile: 1,5 percento in valore e 1,7 percento in volume rispetto a marzo.

Nel complesso, le vendite al dettaglio per il mese sono state dello 0,4 percento in meno in valore e dello 0,5 percento in meno in volume.

“Negli ultimi due mesi, la situazione economica generale è stata sostenuta da tendenze positive nel settore alimentare, mentre la situazione non alimentare ha contribuito negativamente”, si legge in una nota dell’istituto.

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, le vendite complessive al dettaglio sono state solide, con un aumento del 30,4% in valore e del 31,5% in volume. Questi numeri hanno beneficiato di un mese di confronto scadente, dato che aprile 2020 è stato esattamente l’unico mese in cui i termini completi del blocco del coronavirus, che è iniziato all’inizio di marzo ed è stato gradualmente allentato a partire da maggio dello scorso anno.

READ  Is the Gulf region close to re-opening? We see promising signs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *