Il senatore Ron Johnson ha registrato che Donald Trump ha perso il Wisconsin perché 51.000 repubblicani non hanno votato per lui

Il senatore repubblicano Ron Johnson, uno degli alleati più fedeli di Donald Trump al Congresso, è stato registrato in un video in cui accusava l’ex presidente della sconfitta elettorale del 2020.

Johnson ha fatto i commenti a un attivista liberale che si fingeva conservatore mentre veniva interrogato durante un evento a Milwaukee. La donna ha finto di essere convinta delle teorie del complotto elettorale di Trump, citando la frode elettorale come la perdita dell’ex presidente nel Wisconsin.

Johnson dice alla donna che non è d’accordo, osservando che “non c’è stata alcuna deviazione apparente sui risultati”.

Se tutti i repubblicani avessero votato per Trump come hanno votato per i candidati all’Assemblea, lui avrebbe vinto. “Non ha ottenuto i 51.000 voti degli altri repubblicani, ed è per questo che ha perso”, ha detto Johnson.

Al signor Johnson è stato chiesto dell’incidente prima Washington Post. Ha difeso le sue dichiarazioni, dicendo che erano in linea con le altre sue dichiarazioni pubbliche, ma si è lamentato del fatto che un “attivista politico democratico” lo avesse registrato a sua insaputa.

“Da quando il Collegio Elettorale si è riunito, ho riconosciuto l’ex vicepresidente Joe Biden come presidente eletto e ho detto più e più volte che non riesco a immaginare nessuno scenario in cui gli elettori di Biden sarebbero stati respinti”, ha detto.

Ha osservato che in passato “ha ammesso che il nostro sistema di certificazione statale individuale dei risultati elettorali deve essere rispettato e che nel Wisconsin non c’è chiaramente nulla di sbagliato nei risultati a livello statale”.

Nonostante i suoi commenti, il senatore sostiene ancora il controllo elettorale nel Wisconsin simile al famigerato controllo della contea di Maricopa, in Arizona.

READ  A black teenager falsely accused of stealing his phone is seeking treatment

Joe Biden ha sconfitto Trump alle elezioni del 2020 per 21.000 voti e, nonostante numerose sfide e riconteggi, non ci sono state assolutamente prove di brogli elettorali.

“Ci sono stati molti errori che devono ancora essere completamente spiegati, investigati a fondo e approvate soluzioni per ripristinare la fiducia nelle elezioni future”, ha detto Johnson. “Ho indagato su molte infrazioni, ne ho spiegate alcune e non ho ottenuto risposte a molte”.

Mentre le precedenti richieste di revisione elettorale si sono concentrate su preoccupazioni cospirative sulla legalità delle macchine per il voto, Johnson ha affermato: “L’ultima cosa su cui mi concentrerei erano le macchine”, riconoscendo che i repubblicani si stavano “concentrando troppo sulle macchine”.

Il legislatore del Wisconsin ha recentemente approvato il trasferimento di un massimo di 680.000 dollari in fondi pubblici per la revisione dei risultati delle elezioni statali.

Proprio come l’esame della contea di Maricopa, l’esame del Wisconsin sarà guidato da un fervente sostenitore di Trump che ha ribadito le teorie del complotto elettorale dell’ex presidente, l’ex giudice della Corte suprema dello stato Michelle Gabelman.

Il governatore del Wisconsin Tony Evers, un democratico, ha affermato che la revisione è un “attacco continuo alla nostra democrazia”, ​​definendolo “oltraggioso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *