Il Ruanda cerca collaborazione con la società italiana di energia verde | nuovi tempi

Giovedì il presidente Paul Kagame ha ospitato Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, azienda energetica che attualmente si occupa della decarbonizzazione dei trasporti.

Kagame ha discusso con Descalzi, insieme alla sua delegazione, su possibili collaborazioni nei settori della transizione energetica e dell’economia circolare da una prospettiva regionale.

In precedenza, Zivani Nyonkoro, Vice Presidente Esecutivo del Rwanda Development Board, che ha incontrato una delegazione dall’Italia; “Siamo pronti a lavorare con Eni su progetti di sostenibilità in ambito energetico, conservazione ambientale e altre aree della green economy in Ruanda e nella regione”.

La società, con sede in Italia, è una società energetica integrata la cui dedizione alla trasformazione energetica si traduce in azioni concrete volte a raggiungere la completa decarbonizzazione di prodotti e processi entro il 2050.

I rapporti indicano che circa il 24% delle emissioni globali di anidride carbonica proviene dai settori dei trasporti.

In Europa e negli Stati Uniti, ad esempio, le emissioni dei trasporti sono le più pronunciate di qualsiasi settore, con quasi il 30%.

Pertanto, promuovere il trasporto sostenibile significa ridurre i gas serra, causa principale del cambiamento climatico, affrontare una delle sfide più grandi del mondo e proteggere l’ambiente.

Il percorso di sviluppo del Ruanda per diventare un’economia a reddito medio entro il 2035 e un paese ad alto reddito entro il 2050 dipende dalla crescita economica legata a un sistema di trasporto sostenibile come paese senza sbocco sul mare.

Il governo mira a ridurre i costi dell’aviazione e della logistica creando un sistema di trasporto integrato che collega con la regione.

Ciò include le reti stradali che collegano tutti i confini con i paesi vicini, il trasporto terrestre e fluviale, i nuovi aeroporti e anche l’avvio del trasporto ferroviario regionale.

READ  L'Italia e la Grecia corrono il rischio di una crisi del debito dopo la pandemia

eashimwe@newtimesrwanda.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *