Il romanzo di Domenico Starnoni “Confidence”, tradotto da Gamba Lahiri

sul ripiano

fiducia

di Domenico Starnoni
Tradotto da Jhumpa Lahiri
Europa: 144 pagine, $ 17

Se acquisti libri collegati al nostro sito, The Times potrebbe ricevere una commissione da Bookshop.org, le cui tariffe sono sostenute da biblioteche indipendenti.

Dopo tre anni di storia d’amore appassionata, turbolenta e ossessiva, Teresa Quadraro stringe un patto con Pietro Vella. Lei suggerisce: “Diciamo che ti sto dicendo un segreto, qualcosa di così terribile che non mi sono mai detto”, ma poi devi confessarmi qualcosa di terribile, qualcosa che ti rovinerebbe la vita se qualcuno venisse a saperlo. Ogni amante confessa qualcosa di terribile all’altro, ma non al lettore.

Poco dopo si separarono. Teresa, che era un’amata allieva di Pietro in un liceo di Roma, divenne una scienziata di fama mondiale negli Stati Uniti. Sebbene si scrivano sporadicamente, si incontrano solo due volte nei successivi cinque decenni.

La prima sezione di Domenico Staron”fiducia“, un romanzo breve tagliente che taglia come un bisturi al centro dei suoi personaggi, raccontato da Pietro. Figlio di un padre della classe operaia che era risentito del suo posto nella gerarchia sociale, Pietro limita le sue aspirazioni, soffre di bassa autostima -stima e teme che una donna capricciosa gli rovini la vita. Spiega: “Ho capito molto chiaramente che non ho basato la mia vita su grandi ambizioni semplicemente perché se sono imperfetto nelle questioni confuse della vita, come affronterò le questioni importanti del mondo e le questioni importanti della vita”.

Di conseguenza, Pietro ha trascorso la sua vita insegnando lettere in un mediocre liceo pubblico. Tuttavia, dopo che un editore di libri lo ha invitato ad espandere le sue idee sulla riforma dell’istruzione, è diventato improvvisamente una giovane celebrità intellettuale. Sua moglie, Nadia, insegnante di matematica, è sconvolta dal messaggio che sta diffondendo nel circuito delle lezioni secondo cui l’istruzione pubblica in Italia è peggio che inutile – e di fatto aggrava le disuguaglianze sociali – anche se continua a insegnare nel sistema.

READ  Olivia Rodrygo's "driver's license" bows first

La decisione di Jhumpa Lahiri di tradurre Starnone è un omaggio all’autore lei sta chiamando “Il miglior scrittore italiano vivente; sento davvero che nessuno scrive romanzi grandi, interessanti, belli e potenti”. “fiducia” Lui, dopo “Relationships” (2017) e “The Resourcefulness” (2018), il terzo romanzo di Starnone, ciascuno un dramma teso e teso di percezioni contrastanti, che l’autore americano ha portato in lingua inglese. (Lahiri ha ampliato la sua portata in una lingua approvata, pubblicando il suo debutto italiano, “Dove mi trovo” nel 2018 traducendolo lei stessa inDove sono loro?,” l’anno scorso.)

L’allitterazione di “links”, “trek” e “trust” è interamente un’invenzione lahiri, poiché i titoli in italiano, rispettivamente, sono “lachi” (lacci), “cherzeto” (scherzo) e “confidenza” (fiducia). Non ci sono prove che Starnone, un prolifico romanziere, giornalista e sceneggiatore, intendesse leggere questi libri come un set, ma Lahiri’s Choice li considera de facto una trilogia sull’inganno e l’autoinganno.

Sebbene molti trovino Pietro irresistibile, rimane nel dubbio. Sua figlia adulta, Emma, ​​​​che narra la seconda parte di “Confidence” e lo adora per il suo “buon cuore e la sua acuta intelligenza”, è ignara dei difetti del personaggio di cui è fin troppo consapevole. Troy Teresa, anziana e inferma ora a New York, terza e ultima strofa; Ama ancora Pietro ma ha una lettura più contraddittoria del suo personaggio. Dice: “Non ho mai incontrato un uomo così pieno di vita e più timoroso della sua incantevole pienezza”.

Questi molteplici narratori consentono a Starnone di costruire una struttura narrativa simile a Rashomon in cui la verità su Pietro vortica dietro tutti e tre i romanzi. Riferimenti espliciti alla menzogna avvertono il lettore che nessuno è completamente affidabile. Teresa ricorda la lezione che ha imparato dal suo vecchio maestro, che “raccontare una storia è mentire, e migliore è il bugiardo, migliore è il narratore”. A Starnone, però, interessa poco gli esercizi cognitivi o la flebile contraddizione che l’arte è la menzogna che dice la verità. La “fiducia” è più intenta a esporre le fragili fondamenta su cui costruiamo la nostra autosufficienza.

READ  Necrologio Rafael Grammoglia (2021) - East Hartford, Connecticut

Mentre seduce Nadia, Pietro le assicura che non deve dire al suo allora fidanzato della loro relazione. Insiste sul fatto che “le bugie sono la salvezza dell’umanità”. Tuttavia, la salvezza sfugge a Petro. Non è in grado di accettare l’autoinganno che rende la vita sopportabile. O forse, peggio ancora, che il suo marchio di autoinganno gli sta facendo la vita unPossibile. Si presenta al suo momento peggiore, il segreto che ha confidato a Teresa. Come il sempre descritto Hawthorne – e maledetto – con una voglia, un velo nero o una lettera cremisi, Pietro è ossessionato dal terrore che la sua brutta verità personale venga alla luce.

Nonostante siano separati da migliaia di chilometri e decine di anni, Teresa rimane quella che Pietro chiama la sua “consorte immaginaria”, una forza più importante nella sua vita di Nadia, che è stata al suo fianco per tutto il tempo. È perennemente inorridito dal fatto che, in qualsiasi momento, Teresa possa scegliere di rivelare il suo segreto. Pertanto, non è Teresa che lo perseguita tanto quanto la sua oscura visione di se stesso.

Nella conclusione su “fiducia”, Lahiri spiega perché ha scelto di non usare la parola inglese “fiducia” come titolo per la sua traduzione. Sebbene la parola italiana denoti anche qualcosa di autorevole, come gli sconvolgenti segreti che Pietro e Teresa condividono, le sue connotazioni primarie sono l’audacia e la maleducazione, qualità particolarmente carenti in un insegnante di liceo insicuro. Starnone guadagna la fiducia del lettore con un’altra agile analisi dell’umanità vulnerabile. Lahiri, i cui romanzi pluripremiati l’hanno resa una delle figure più importanti della letteratura americana contemporanea, continua il suo ambizioso progetto di allontanarsi da un’altra lingua e dalla prosa di un altro scrittore.

READ  "The Beautiful Lie": la storia dietro il dramma australiano

I libri più recenti di Kellman sono “Rambling Prose: Essays” e “Nimble Tongues: Reflections on Literary Translingualism”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *