Il regolatore italiano chiede a TikTok di intraprendere ulteriori azioni sugli utenti di età inferiore ai 13 anni

Il regolatore italiano per la protezione dei dati ha dichiarato mercoledì di aver chiesto all’app di condivisione video TikTok di intensificare le misure per impedire ai giovani utenti di accedere alla piattaforma dopo che il gruppo ha rimosso più di 500.000 utenti di età inferiore ai 13 anni in quasi tre mesi.

All’inizio di febbraio, TikTok, di proprietà della società cinese ByteDance, ha concordato con le autorità italiane di vietare, tra le altre misure, tutti gli utenti che hanno dichiarato di non avere compiuto i 13 anni dopo la morte di una bambina di 10 anni che è stato accusato sui social media che ti tolgono il fiato. Sfida dei media. “Le misure adottate hanno ottenuto risultati significativi, ma non sono ancora sufficienti”, ha affermato l’autorità in un comunicato.

L’autorità di censura ha chiesto a TikTok di cancellare entro 48 ore eventuali account associati a utenti di età inferiore ai 13 anni, rendendo più difficile l’accesso dei giovani utenti e avviando iniziative di comunicazione spiegando che la piattaforma non è menzionata ai minori di 13 anni. Ho anche chiesto all’app di trovare soluzioni. , Compreso l’uso dell’intelligenza artificiale, ridurrebbe il rischio che i giovani di età inferiore ai 13 anni entrino e utilizzino la piattaforma TikTok.

L’autorità ha affermato che da febbraio TikTok ha chiesto a più di 12,5 milioni di utenti in Italia di confermare la propria età, senza che sia chiaro. “Dopo le conversazioni con il regolatore dall’inizio dell’anno, stiamo sperimentando ulteriori misure per garantire che gli utenti che hanno almeno 13 anni possano utilizzare TikTok”, ha affermato Alexandra Evans, responsabile della sicurezza dei bambini di TikTok in Europa. dichiarazione.

READ  Gli investitori di Atlantia si incontrano il 31 maggio per un'offerta CDP locale per l'unità autostradale

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *