Il Regno Unito annuncia 29 milioni di sterline in ulteriori aiuti umanitari all’Etiopia | Etiopia

Il Regno Unito ha annunciato ulteriori 29 milioni di sterline in aiuti umanitari per le persone colpite dall’aggravarsi del conflitto nel nord EtiopiaIl Segretario di Stato, Liz Truss, esamina anche il tipo di ulteriore pressione che può esercitare sul nuovo governo etiope per aprire i tanto necessari corridoi umanitari.

Il Regno Unito ha fornito più di 75 milioni di sterline per mitigare i rischi di carestia, rendendolo il secondo più grande donatore di aiuti dell’Etiopia, ma i funzionari riconoscono che il blocco de facto del Tigray da parte del governo sta aggravando la crisi.

L’inviato speciale del Regno Unito per la prevenzione della carestia e gli affari umanitari, Nick Dyer, ha visitato Mekele, la capitale del Tigray, ed è stato colpito dall’aggravarsi della crisi alimentare, idrica ed energetica.

Le Nazioni Unite hanno stimato che il Tigray ha bisogno di 500 camion di aiuti essenziali ogni settimana, ma da giugno ne è stato raggiunto meno del 10%. Il deficit è dovuto alla mancanza di carburante, camion e garanzie di passaggio sicuro per i camionisti molestati e alle richieste del governo etiope di pagare tangenti.

Le Nazioni Unite stimano che 5,5 milioni di persone affrontano una grave insicurezza alimentare, tra cui 400.000 persone nel nord dell’Etiopia che affrontano condizioni simili alla carestia, più di tutte le crisi umanitarie nel resto del mondo messe insieme. Il governo del Regno Unito è convinto che si tratti di una crisi interamente provocata dall’uomo derivante dal conflitto territoriale e dalla sovranità.

Dyer ha dichiarato: “Durante la mia terza visita in Etiopia dall’inizio del conflitto del Tigray, ho visto un ulteriore deterioramento della crisi e delle condizioni per le operazioni umanitarie. Il conflitto nel nord dell’Etiopia si è diffuso oltre i confini del Tigray ora, quindi ci stiamo espandendo Finanziamenti britannici per raggiungere i più bisognosi. Sono necessari ad Afar e ad Amhara”.

READ  Un uomo lascia due milioni di euro per un famoso villaggio francese per proteggerlo dalla persecuzione nazista

L’iniziativa dell’Unione africana per stabilizzare il cessate il fuoco ha fatto pochi progressi, con le forze del Tigray che si sono rifiutate di partecipare, in parte a causa dei dubbi sulla neutralità della mediazione guidata dalla Nigeria. Fonti diplomatiche britanniche hanno per mesi fatto pressioni sul governo di Addis Abeba per consentire aiuti nella regione, ma è stato detto che nessuna risposta era possibile fino all’inaugurazione del nuovo governo, cosa che è avvenuta questa settimana.

Movreya Kamel, un potente ministro della pace, è stato retrocesso in un rimpasto di governo dopo tre anni in carica, ma non è ancora chiaro se ciò preannuncia un cambiamento di politica. Un tempo simbolo dello sviluppo dell’Africa, il primo ministro, Abiy Ahmed, non ha sofferto politicamente adottando una linea dura contro coloro che nel Tigray chiedono l’indipendenza, ma è sottoposto a crescenti pressioni internazionali.

A settembre, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha emesso un ordine esecutivo che autorizzava sanzioni contro le parti “complici nel prolungare” il conflitto nella regione settentrionale del Tigray, in Etiopia. Gli Stati Uniti potrebbero rimuovere le concessioni dell’Etiopia nell’ambito dell’African Growth and Opportunity Act, una mossa che potrebbe danneggiare gravemente l’economia del Paese. L’Etiopia afferma che l’accordo vale 237 milioni di sterline all’anno.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani dovrebbe pubblicare un rapporto sulle violazioni dei diritti umani il 1° novembre, che potrebbe portare a ulteriori sanzioni internazionali.

Il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray si è spinto nelle regioni limitrofe di Afar e Amhara a luglio, con una mossa che si diceva mirava a impedire alle forze governative di raggrupparsi e rompere quello che descrive come un assedio umanitario sul Tigray.

READ  Il primo ministro armeno avverte di un tentativo di colpo di stato dopo che l'esercito ha chiesto le sue dimissioni Notizie di politica

I finanziamenti saranno forniti dalle agenzie delle Nazioni Unite e dalle ONG, tra cui il Programma alimentare mondiale, l’UNICEF e il Fondo umanitario etiope. Si prevede che più di 100.000 bambini malnutriti, 27.000 donne incinte e neomamme riceveranno una terapia nutrizionale salvavita.

L’ambasciatore del Regno Unito per i diritti umani, Rita French, ha sollevato l’urgente necessità di un accesso umanitario senza restrizioni al Consiglio per i diritti umani all’inizio di questo mese e l’ex ministro degli Esteri ha sollevato le preoccupazioni del Regno Unito sul conflitto in una telefonata con il primo ministro Abe ad agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *