Il regista che ha ispirato Quentin Tarantino a diventare un regista

“Ci sono stati solo pochi registi che sono entrati nel vecchio genere e ne hanno creato un nuovo universo”, ha esordito Quentin Tarantino in una lunga e particolarmente vaga conversazione sull’impatto di Spaghetti western. Per un regista, la qualità di un regista risiede nella sua capacità di ricostruire materiale preesistente in modo tale da catturare l’atmosfera del suo tempo. È come se Tarantino, che si è guadagnato la reputazione incrollabile del suo autore con film come cani da serbatoioe Pulp Fiction e uccidi Bill Il cinema è un’entità vivente che deve essere nutrita di nuove opere se ha qualche possibilità di sopravvivenza.

Forse è stata questa convinzione che lo ha spinto a realizzare alcuni dei film mainstream più provocatori degli ultimi 20 anni. È anche questa convinzione che lo ha spinto a celebrare l’opera di registi italiani come Sergio Corbucci, Ducio Tesari e Franco Giraldi. Ma c’è un regista che sta una spanna sopra gli altri, uno le cui opere hanno catturato l’immaginazione del giovane Tarantino così tanto da convincerlo a perseguire la vita nel cinema.

“Il film che mi ha fatto pensare al cinema, il film che mi ha mostrato come un regista fa quello che fa, come un regista può controllare un film attraverso la sua telecamera, C’era una volta West”, ha esordito Tarantino nei primi momenti di quell’intensa intervista. “Era come una scuola di cinema in un film. Ha davvero mostrato come avere un impatto come regista. Come dare la tua firma alla tua attività. Mi sono trovato piuttosto incuriosito, pensando: “È così che si fa”. Ha finito per creare un’estetica nella mia mente”.

READ  The Wolves Club onorato dalla Italian American Heritage Foundation Ellwood City - Ellwood City, PA news

C’era una volta a Hollywood È stato diretto da uno dei registi più influenti d’Italia, Sergio Leone, l’uomo a cui è attribuita l’invenzione di ciò che noi (forse pigri) oggi chiamiamo Spaghetti Western. Per Tarantino, è stata la visione unica di Leon a distinguerlo come uno dei principali creatori: “I film di Lione non sono stati solo influenzati dallo stile”, ha detto una volta. “C’era anche realismo per loro: quelle sporche città messicane, le piccole capanne – un po’ più grandi per ospitare la telecamera – tutti i piatti su cui mettono i fagioli, i grandi cucchiai di legno”.

Tarantino ha continuato: “I film erano molto realistici, che sembravano sempre mancare in Occidente negli anni ’30, ’40 e ’50, nella brutalità e nelle varie sfumature di grigio e nero”. Leon trova un colore più scuro del bianco e nero. C’è realismo nella sua presentazione della Guerra Civile in TLui è il buono, il brutto e il cattivo Cosa che mancava a tutti i film sulla Guerra Civile che lo hanno preceduto”.

Ma Tarantino è stato anche sorpreso dall’uso della musica da parte di Leon. Come spiega, è stato Lyon a ispirare la sua esplorazione del potenziale tematico delle colonne sonore non orchestrali, qualcosa che è arrivato a definire lo stile unico del regista americano. “È stato Leon a mettere in pratica la musica ea trasformarla in opera”, osserva Tarantino.

“So che ci sono esempi che vanno contro quello che sto dicendo, ma è come se Leon fosse la prima persona in assoluto a tagliare l’immagine in musica in questo modo. Prima di lui è successo per caso in cui qualcuno ha pensato che sarebbe stato fantastico per un piccola sequenza, ma non pensavo che avrebbe dovuto farlo per il resto del film. Ma il modo in cui tagliamo la musica ora: scegli alcune canzoni rock e tagli la scena su quella canzone. Tutto è iniziato con Leon e Morricone, e soprattutto con Il buono il brutto e il cattivo.

READ  Il gusto del vino: i veneziani sono piccoli, intimi ed estremamente gustosi

Tarantino ha concluso: “Morricone e Leon hanno influenzato i miei film in ogni modo, forma e forma. Non ho mai capito cosa avesse a che fare la musica surf con il surf. Per me, ha sempre suonato come spaghetti western rock ‘n’ roll: la musica di Moricon con la chitarra- ritmo guidato. L’ho sempre detto Pulp Fiction Era la moderna pasta occidentale. Poi ho iniziato a usare parti della musica che Morricone aveva scritto per altri film. Poi ho lavorato con lui come mio compositore, cosa che non avevo mai fatto con nessuno prima. Sono passato da lui a non averlo, poi l’ha capito – ha letteralmente visto la mia strada – poi a lavorare con lui su Gli otto odiosi.

Segui la rivista Far Out sui nostri canali social, su Sito di social network Facebooke Twitter e Instagram.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *