Il redattore di Teen Vogue estromesso Alexi McCammond è stato fotografato con indosso un costume da nativo americano

Sorridendo alla telecamera in un costume da nativo americano, questo è il giornalista che è stato costretto a dimettersi da redattore di Teen Vogue in una gara.

Ieri è stato affermato che la direttrice di Vogue, la signora Anna Wintour, ha cercato disperatamente di salvare la sua sponsorizzazione Alexei Macamund anche se il cast ha condotto una rivolta contro i suoi presunti tweet razzisti e anti-gay per i quali si era già scusata.

Fonti informate hanno detto che il direttore di Vogue ha trascorso due settimane a cercare di “raccogliere sostegno” per il giornalista mentre lo scandalo si diffondeva.

Alexei McCamond (a destra) è ritratta come una nativa americana, e si avvicina perché è già sotto accusa per una serie di tweet che sono presumibilmente razzisti e anti-gay

Ieri è stato affermato che la direttrice di Vogue, la signora Anna Wintour (nella foto), ha cercato disperatamente di salvare il suo fidanzato Alexei Macamund anche se il cast ha condotto una rivolta contro i suoi presunti tweet razzisti e anti-gay per i quali si è già scusata.

Ieri è stato affermato che la direttrice di Vogue, la signora Anna Wintour (nella foto), ha cercato disperatamente di salvare il suo fidanzato Alexei Macamund anche se il cast ha condotto una rivolta contro i suoi presunti tweet razzisti e anti-gay per i quali si è già scusata.

Con l’aumento dei reclami, a Miss Macamond è stata data l’opportunità di incontrare i dipendenti per “scusarsi e ascoltare le loro preoccupazioni”, ha riferito il New York Times.

Le sue serie di tweet anti-asiatici del 2011 erano note ai vertici di Vogue, ma sono rimaste sorprese dal messaggio anti-gay e dall’immagine.

Gli addetti ai lavori hanno detto di non sapere della foto della festa di Halloween nel 2011 perché è stata rimossa dal suo feed Twitter.

Ma The National Pulse l’ha trovato e l’ha pubblicato questa settimana.

READ  The sacrilege trial begins over LGBT rainbow placement on a Polish icon

La 27enne ha rassegnato le dimissioni da redattore di una rivista elettronica giovedì prima del suo primo vero giorno di lavoro dopo che il battibecco è diventato pubblico.

Prima di questo, l’editore Conde Nast avrebbe cercato di fermare gli insulti dei dipendenti di Teen Vogue dal parlare apertamente e di chiedere loro di mantenere le critiche “all’interno della famiglia”.

I vecchi tweet stanno riapparendo dopo che Miss Macamund è stata nominata il nuovo editore di Teen Vogue il 5 marzo. In un tweet del 2011, quando aveva 17 anni, scrisse come fosse “Google come non svegliarsi con gli occhi gonfi di asiatica”.

E un altro anno, quello stesso anno, ha incolpato uno “stupido asiatico” di insegnamento per aver fallito durante la sua lezione di chimica.

Altri Tweet usano i termini “asiatico”, “gay” e “gay” in modo dispregiativo.

Anche in mezzo a una ribellione da parte del personale della rivista, la signora Anna, secondo quanto riferito, era al fianco della signorina MacMond.

Il redattore capo, 71 anni, avrebbe cercato di invertire la tendenza per un’ex giornalista politica a Washington perché pensava di essere una candidata “brillante”.

Ci sono anche domande sul processo di audit prima che alla signorina McCamond venga assegnato il lavoro.

La disputa ha causato grande imbarazzo per Conde Nast e Dame Anna, che continuano a confrontarsi con le accuse dei suoi dipendenti secondo cui Vogue avrebbe discriminato le minoranze sulle sue pagine e in ufficio.

La scorsa settimana, Vogue ha affermato che il Daily Mail era razzista dopo che un titolo relativo al fidanzamento tra il principe Harry e Meghan ha espresso preoccupazioni “inquietanti”.

READ  Tristezza e rabbia in Ciad per la repressione di sanguinose proteste | Notizie dal Ciad

Nonostante la denuncia ricevuta da questo giornale riguardante una “accusa estremamente grave e infondata”, la squadra della signora Anna si è rifiutata di correggerla.

Prima di smettere di fumare, a Miss MacMond è stato concesso l’accesso individuale ai dipendenti e ha detto in una nota ai suoi colleghi su Teen Vogue che i tweet erano “offensivi e stupidi”.

I vecchi tweet stanno riapparendo dopo che Miss Macamund è stata nominata il nuovo editore di Teen Vogue il 5 marzo.  In un tweet del 2011, quando aveva diciassette anni, scrisse come andava in giro Come non svegliarsi con gli occhi gonfi di asiatica  u2019

I vecchi tweet stanno riapparendo dopo che Miss Macamund è stata nominata il nuovo editore di Teen Vogue il 5 marzo. In un tweet del 2011, quando aveva 17 anni, ha scritto di “cercare su Google come non svegliarsi con gli occhi gonfi di asiatica”

In una nota ai dipendenti, Stan Duncan, presidente di Conde Nast HR, ha affermato di aver precedentemente rilasciato scuse pubbliche nel 2019 e si pensava che avesse imparato dai suoi errori.

Il Daily Beast riporta che i dipendenti di Teen Vogue hanno reagito in modo “misto” e alcuni credono che la signorina Macamund fosse pentita, mentre altri non pensavano che avrebbe dovuto ottenere il lavoro.

Ai dipendenti è stato chiesto di tenere il contante “in famiglia” e di gestire eventuali piani per parlare attraverso il reparto comunicazioni dell’azienda. Oltre a pubblicare la foto controversa, The National Pulse ha scritto: “Questo è ciò che la sinistra chiama” appropriazione culturale “e spesso cerca di” eliminare “le persone a causa del” crimine “.

L’impulso nazionale detesta l’abolizione della cultura e la continua trasformazione delle storie “musaktak” che coinvolgono la vita delle persone, ma ci piace puntare di più sull’ipocrisia della sinistra.

La scorsa notte Condé Nast ha rifiutato di commentare le nuove accuse.

READ  Arizona: sei ciclisti "critici" dopo essere stati investiti da un camion durante la gara - con autista che spara alla polizia | Notizie dagli Stati Uniti

Ma un insider di Vogue ha detto: “Speravamo che funzionasse ed è per questo che abbiamo avuto così tanti incontri nelle ultime due settimane per discutere internamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *