Il Re del Marocco si congratula con il nuovo Primo Ministro di Israele | Notizie su Hamas

Il messaggio di re Mohammed VI a Naftali Bennett arriva mentre il leader di Hamas Ismail Haniyeh è in visita in Marocco per incontri.

Il nuovo leader israeliano ha ricevuto “caldi saluti” in un messaggio dal re del Marocco mentre il leader politico di Hamas Ismail Haniyeh ha visitato il Paese per discutere della questione palestinese.

Un messaggio inviato dal re Mohammed VI si congratula con Naftali Bennett per essere diventato il primo nuovo leader israeliano in 12 anni dopo aver formato questa settimana un governo di coalizione con il leader deposto Benjamin Netanyahu.

La corrispondenza di Sua Maestà ha confermato che il Marocco “continuerà i suoi sforzi per promuovere la pace, la giustizia e la convivenza in Medio Oriente, in modo da garantire sicurezza, stabilità e fratellanza a tutti i popoli che vivono fianco a fianco”.

La lettera recita: “Cordiali saluti e auguri di grande successo”. chi è stato citato Mercoledì dall’ufficio del primo ministro israeliano.

Il Marocco ha la più grande comunità ebraica del Nord Africa con una popolazione di circa 3.000 persone e Israele ospita 700.000 ebrei di origine marocchina.

È diventato il quarto paese arabo lo scorso anno, insieme agli Emirati Arabi Uniti, al Sudan e al Bahrain, a normalizzare le relazioni con Israele nell’ambito di accordi mediati dagli Stati Uniti.

I palestinesi hanno condannato gli accordi, definendoli un tradimento della posizione di vecchia data secondo cui Israele prima soddisfa la loro richiesta per l’istituzione del loro stato prima di raggiungere la normalizzazione.

Sostegno alla causa palestinese

Nel frattempo, Haniyeh ha incontrato, mercoledì, il primo ministro marocchino Saad Eddine El Othmani e funzionari del Partito Giustizia e Sviluppo al governo.

READ  La Merkel avverte che l'Europa è "sul ghiaccio sottile" in mezzo al boom del cambio delta

Haniyeh ha ringraziato Othmani per il suo invito in Marocco. “Spero che questa visita porti ad ottenere i risultati desiderati e attesi dal paese fraterno del Marocco”, ha detto Haniyeh.

Al-Othmani ha dichiarato in una dichiarazione che la delegazione terrà colloqui con la dirigenza del Partito per la giustizia e lo sviluppo sugli sviluppi della causa palestinese e su come sostenerla.

Haniyeh stava facendo il suo primo viaggio ufficiale a Rabat dopo un’offensiva israeliana di 11 giorni sulla Striscia di Gaza, iniziata il 10 maggio.

Gli attacchi israeliani a Gaza hanno ucciso almeno 256 persone, tra cui decine di donne e bambini, e hanno lasciato una scia di devastazione. Tra le strutture colpite figurano centri sanitari, uffici stampa e scuole.

Il re Mohammed VI ha affermato che i negoziati tra Israele ei palestinesi sono l’unico modo per raggiungere una soluzione definitiva, duratura e globale del conflitto.

Prima della costituzione dello Stato di Israele nel 1948, il Marocco ospitava una vasta popolazione ebraica, con molti dei loro antenati emigrati in Nord Africa dalla Spagna e dal Portogallo durante l’Inquisizione spagnola.

Israele e Marocco hanno stabilito relazioni diplomatiche di basso livello durante gli anni ’90 a seguito di accordi di pace provvisori tra Israele e palestinesi, ma queste relazioni sono state sospese dopo lo scoppio della seconda Intifada palestinese nel 2000.

Da allora, tuttavia, i legami informali sono continuati e circa 50.000 israeliani si recano ogni anno in Marocco per conoscere la comunità ebraica e recuperare la storia della loro famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *