Il razzo SpaceX viene lanciato sulla piattaforma 39A per la prossima missione Starlink: Spaceflight Now

Nota dell’editore: La prossima missione SpaceX dovrebbe essere lanciata domenica alle 6:01 EST (1001 GMT). L’ora legale negli Stati Uniti inizia alle 2:00 ora locale di domenica.

Un razzo Falcon 9 per la 22a missione Starlink assegnata da SpaceX è arrivato sulla piattaforma 39A all’inizio di sabato. Credito: Spaceflight Now

Per la terza volta in 10 giorni, SpaceX sta preparando un razzo Falcon 9 per il lancio domenica dalla costa della Florida con 60 satelliti Internet da Starlink. Questa volta, SpaceX mira ad espandere il record per il riutilizzo del Booster Falcon 9 a nove voli.

L’imminente 60 ° lancio del satellite Starlink di SpaceX è previsto per un’opportunità immediata alle 6:01 EDT (1001 GMT) di domenica dalla piattaforma 39A del Kennedy Space Center della NASA in Florida.

La missione sarà lanciare l’ottavo Falcon 9 di SpaceX di quest’anno e il terzo in 10 giorni da due lanciatori in Florida a poche miglia di distanza. Due precedenti voli Falcon 9 il 4 e l’11 marzo hanno portato in orbita 60 satelliti Starlink.

SpaceX ha trasferito il suo razzo Falcon 9 per il lancio domenica alla piattaforma 39A all’inizio di sabato, dove il razzo da 229 piedi (70 metri) ha rotolato un quarto di miglio da un hangar di integrazione alla periferia meridionale dello storico complesso di lancio una volta in uso. Come punto di partenza per le missioni Apollo Moon e molte missioni dello space shuttle.

Ci si aspettava che gli equipaggi missilistici a terra sollevassero verticalmente il missile più tardi sabato in preparazione per il conto alla rovescia prima dell’alba di domenica, quando i team di SpaceX supervisioneranno il caricamento di un lanciatore a due stadi con cherosene e propellenti di ossigeno liquido.

C’è una probabilità del 90% che il bel tempo decolli domenica mattina, secondo il 45 ° squadrone meteorologico della US Space Force.

Un missile Falcon 9 programmato per il lancio domenica volerà con un potenziamento del primo stadio recuperato da otto missioni precedenti. Il booster – designato B1051 – sarà il primo nell’inventario di SpaceX a essere lanciato per la nona volta. Due diverse fasi della flotta SpaceX, incluso il B1051, sono state collegate per segnare otto missioni.

READ  Le immagini della sonda Marte della NASA mostrano scogliere, rocce e atterraggi

Anche il carico utile del missile, o ogiva, è stato rinnovato rispetto a una missione precedente. Il sudario è stato lanciato sulla missione Falcon 9 a gennaio e le navi di recupero SpaceX hanno recuperato un dono dall’Atlantico.

I funzionari di SpaceX hanno affermato che l’ultima versione del Falcon 9 Booster può effettuare 10 voli con ispezioni e lievi rinnovi tra le missioni. Elon Musk, fondatore e CEO di SpaceX, ha affermato che con una revisione, i booster Falcon 9 Block 5 potrebbero pilotare 100 missioni.

Hans Koenigsman, senior advisor ed ex vice presidente di SpaceX, ha dichiarato il mese scorso di ritenere che il numero massimo di dieci voli non sia un “numero magico”.

“Abbiamo imparato molto sulla rigenerazione”, ha detto durante una tavola rotonda il 23 febbraio al 47 ° Space Port Summit. “Stiamo imparando … a cosa prestare attenzione e alcuni potrebbero essere ovvi. Vogliamo prenderci cura dello scudo termico. Ci sono alcuni componenti del motore che, su base regolare, necessitano di un certo grado di ispezione per assicurarsi che le guarnizioni stanno lavorando, ecc. “Ad ogni caduta”.

La rete Starlink guida il ritmo del lancio ad alta velocità di SpaceX. Koenigsmann ha detto che SpaceX raggiungerà presto la soglia dei 10 voli con uno dei suoi ripetitori Falcon 9.

Ha detto: “Sono sicuro che arriveremo presto a 10 voli, e poi continueremo a guardare il rinforzo e fare una valutazione (se) possiamo andare avanti con quello”. “La mia opinione personale è che probabilmente continueremo fino a quando non vedremo più danni sul booster.”

Koenigsman ha detto che SpaceX esaminerà i dati piuttosto che specificare un numero specifico di voli per ciascun booster.

“Li controlleremo regolarmente e ad intervalli regolari”, ha detto. “E la prossima volta che controlli se il motore si spegne e vedi se ci sono danni. Per me, è un problema di ingegneria. Non credo che 10 sia un numero magico.

READ  A satellite made of wood

“Inoltre, ad esempio, possiamo iniziare a introdurre nuovi ingredienti gradualmente ad un certo punto nel tempo e prolungare la durata del booster”, ha detto Koenigsman.

Sessanta satelliti Starlink si preparano per il dispiegamento dallo stadio superiore del missile Falcon 9 durante il lancio giovedì. Credito: SpaceX

Finora SpaceX ha lanciato 1.265 satelliti Internet Starlink. Alcuni di questi satelliti erano prototipi, restituiti all’atmosfera e bruciati. Jonathan McDowell, astronomo dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e prestigioso tracker delle attività dei voli spaziali, afferma che SpaceX ha attualmente circa 1.200 satelliti Starlink in orbita.

Il lancio di domenica sarà la ventiduesima missione Falcon 9 assegnata da SpaceX con i satelliti Starlink.

La rete Starlink potrebbe eventualmente contare più di 10.000 satelliti, ma la prima tranche di Starlink conterrebbe 1584 satelliti in orbita attorno a 341 miglia (550 km) sopra la Terra su sentieri inclinati di 53 gradi rispetto all’equatore. SpaceX ha ricevuto l’approvazione dalla Federal Communications Commission per circa 12.000 satelliti Starlink a una gamma di altitudini e miglia, tutti entro poche centinaia di miglia dal pianeta. La bassa quota dei satelliti consente di fornire connettività ad alta velocità e bassa latenza ai clienti e aiuta a garantire che il veicolo spaziale ritorni naturalmente nell’atmosfera più velocemente che se stesse volando via dalla Terra.

Starlink offre già un servizio di prova temporaneo in regioni ad alta latitudine, come gli Stati Uniti settentrionali, il Canada e l’Inghilterra. L’ulteriore lancio di Starlink quest’anno consentirà l’espansione dell’area di copertura.

SpaceX ha annunciato all’inizio della settimana che il servizio pilota Starlink avrebbe presto iniziato a raggiungere i clienti in Germania, Nuova Zelanda e in altre regioni del Regno Unito, tra cui Galles, Scozia, Irlanda del Nord e Inghilterra settentrionale. SpaceX ha affermato che queste aree potrebbero ricevere un servizio di prova nelle “prossime settimane”.

SpaceX accetta preordini da potenziali consumatori Starlink, che possono pagare $ 99 per fare la fila per il servizio Starlink quando sarà disponibile nella loro zona. Per le persone negli Stati Uniti meridionali e in altre regioni a bassa latitudine, ciò dovrebbe arrivare entro la fine del 2021, afferma SpaceX.

READ  NASA's Curiosity spacecraft celebrates 3,000 days on Mars with an intense panorama

Una volta confermato, i clienti pagheranno $ 499 per l’antenna e il modem Starlink, più $ 50 per la spedizione e la gestione, afferma SpaceX. L’abbonamento verrà eseguito $ 99 al mese.

I satelliti Starlink sono stati costruiti da SpaceX a Redmond, Washington, e ogni navicella pesa circa un quarto di tonnellata al decollo. È dotato di ali che generano energia solare, ioni krypton per la propulsione e maschere per attenuare la sua luminosità alle persone sulla Terra, una diluizione aggiunta ai satelliti Starlink lo scorso anno dopo che gli astronomi hanno espresso la preoccupazione che il veicolo spaziale potrebbe distruggere alcune osservazioni telescopiche.

Come i precedenti lanci di Starlink, i satelliti si separeranno dal loro lanciatore Falcon 9 domenica in un’orbita di trasporto a bassa quota, e quindi useranno i loro propulsori ionici per viaggiare più in alto verso la flotta operativa di Starlink a 341 miglia.

Il primo stadio del Falcon 9 mira ad atterrare sulla nave drone SpaceX Of Course I Still Love You nell’Oceano Atlantico a nord-est di Cape Canaveral circa otto minuti e mezzo dopo il decollo. La nave senza pilota restituirà il missile veterano in Florida in preparazione del suo decimo lancio possibile.

Nel frattempo, lo stadio superiore del missile guiderà 60 satelliti Starlink in orbita ad un’altitudine media di circa 168 miglia (271 km) utilizzando due bruciatori motore. I 60 satelliti imballati dovrebbero essere schierati alle 7:05 EDT (1105 GMT), circa 64 minuti dopo il loro lancio dal Kennedy Space Center.

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora un Tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *