Il punto di vista dell’Irish Times sulle elezioni italiane: un caso volatile

Sarebbe un errore leggere troppo le tendenze nazionali nelle elezioni amministrative italiane di questo fine settimana. Sebbene l’estrema destra e l’estrema destra, così come il movimento populista Cinque Stelle, abbiano subito battute d’arresto e abbiano perso un certo numero di città a favore del Partito Democratico di centrosinistra, i sondaggi nazionali mostrano ancora la cricca di Matteo Salvini e la confraternita italiana di estrema destra. , guidata da Giorgia Meloni, rimane i due maggiori partiti del Paese. Si prevede che formeranno un governo di coalizione se oggi si terranno le elezioni generali.

Tuttavia, i risultati non dovrebbero porre alcun problema al governo di coalizione guidato dall’ex capo della Banca centrale europea Mario Draghi, che ha assunto la carica di primo ministro tecnocratico apartitico a febbraio con l’impegno di attuare riforme strutturali per l’economia gravata dal debito italiano. La leadership coerente di Draghi rimane incontrastata, con indici di gradimento vicini al 70%.

Salvini, ad esempio, insiste sul fatto che il suo partito resti fedele al governo, anche se è passato a destra dai fratelli, ed è ora il partito più popolare del Paese con circa il 30 per cento dei consensi. È probabile che le due parti abbiano anche più sindaci entro la fine del conteggio rispetto a prima. Meloni può aspettarsi di candidarsi come primo ministro dopo le elezioni, che dovrebbero aver luogo entro il 2023, con la Lega come partner junior. Questa prospettiva – che l’Italia possa entrare con forza nell’asse di estrema destra polacco-ungherese nell’UE – sarà motivo di preoccupazione in tutta l’Unione.

Il supporto per la scheggia del Movimento Cinque Stelle, un tempo il partito più popolare del paese, è caduto da un precipizio e ora vengono poste domande reali sul fatto che possa sopravvivere. Diversa è stata la storia per il Partito Democratico sotto l’ex presidente del Consiglio Enrico Letta. Ha ripreso il controllo di Roma e Torino e dovrebbe fare lo stesso a Bologna, Milano e Napoli negli ottavi.

READ  Il premier italiano spera che la carta verde consentirà la ripresa delle attività economiche e sociali il prossimo mese - MercoPress

La politica italiana rimane in movimento poiché gli elettori, in perenne disillusione con la politica, provano ancora una volta e ignorano ogni nuovo sapore per la settimana di fila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *