Il programma di vaccinazione anti-Govt è stato approvato in accordo con i medici di famiglia per la somministrazione dei vaccini

3 ‘lettura
01/01/2021 – La Regione March adotta un piano strategico regionale per il vaccino SARS Cow-2. Durante l’ultima riunione del Consiglio del 2020 (31 dicembre), su proposta dell’Assessore alla Salute Filippo Saldamartini, l’Amministratore ha approvato l’attuazione del Piano strategico nazionale e del piano regionale, con la manifestazione regionale delle indicazioni ministeriali.

E ‘stata inoltre approvata una convenzione con le organizzazioni sindacali: i medici generici effettueranno le vaccinazioni nelle strutture residenziali per anziani.

“L’accordo con i medici di famiglia per la somministrazione dei vaccini – conferma l’assessore Filippo Saldamartini – è un altro passo per rafforzare la medicina locale, necessaria per affrontare i prossimi mesi di epidemia”. Secondo le linee guida nazionali, la campagna vaccinale inizierà a gennaio 2021 e sarà suddivisa in tre fasi. Primo operatore sanitario e sanitario di comunità, ospiti e personale per anziani e anziani: 176.036 visitatori interessati possono essere vaccinati se lo desiderano (23.306 operatori sanitari e sanitari di comunità, 16.319 RSA tra personale e ospiti, oltre 80 133.411 anziani). La seconda fase coinvolge persone di età superiore ai 60 anni, “comorbidità” di tutte le età, insegnanti e personale scolastico. Ciò include i lavoratori nei servizi essenziali e nei settori a rischio (carceri, spazi sociali). La terza e ultima fase sarà assegnata alla restante popolazione.

Tutte le fasi del progetto saranno misurate in base alle effettive esigenze che si presentano, ovvero la quantità di vaccino disponibile, l’adesione delle tipologie pertinenti, le caratteristiche logistiche legate alla catena del freddo per il trasporto e lo stoccaggio del vaccino Pfizer / Bioentech (sezione Cominati commercializzata).

Nella prima fase il vaccino verrà somministrato direttamente negli ospedali, tramite unità mobili, e in strutture residenziali per anziani (con il coinvolgimento dei medici di base). I punti regionali di stoccaggio dei vaccini (HUPS) sono già stati identificati. Sono sette, che corrispondono al punto di amministrazione, oppure impiegano altri aiuti amministrativi (come centri sanitari e RSA) e tutelano la catena del freddo. Si stima che utilizzando le squadre di vaccinazione di 42 operatori sanitari e 43 paramedici, i sette centri saranno in grado di vaccinare 42.625 persone (comprese le strutture per il personale interessato e gli anziani). Si stima che saranno vaccinate con fosombrone 8.200 persone, 5.538 ad Ancona Arca, Jesse Hub se ne occuperà 11.445, Civitano March 4.275, Camerino 4.305, Fermo 3.812, Ascoli Piceno 5.050. Ogni centro è dotato di due frigoriferi a bassa temperatura.

READ  TVIDS - Notizie - I test marittimi dell'F-35B con vettore italiano caratterizzano il lavoro di squadra, raggiungono ottimi risultati

Oltre ai sette centri regionali, il programma fornisce un’ulteriore descrizione regionale dei centri di vaccinazione comunemente utilizzati dagli utenti. Questo per superare molti vaccini che dovrebbero violare lo standard. Oltre ai punti di vaccinazione ospedalieri pubblici e privati ​​(per operatori sanitari e di comunità), all’immunizzazione regionale (per operatori sanitari non ospedalieri) e una struttura residenziale (per personale e ospiti), nella terza fase verranno implementati punti di vaccinazione della popolazione: “Messa già testata nella nostra regione durante lo screening. “Formazione. Il programma prevede il monitoraggio di eventuali effetti avversi, la valutazione della risposta immunitaria indotta dal vaccino e l’avvio di una campagna di informazione (supportata a livello nazionale ma regionale).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *