Il Primo Ministro italiano solleva la questione della ridistribuzione dei migranti al prossimo vertice dell’Unione europea – EURACTIV.com

“Il meccanismo di ridistribuzione dei migranti nelle discussioni europee è fermo da tempo: lo riproporrò lunedì al Consiglio d’Europa”, ha detto giovedì il premier italiano Mario Draghi in conferenza stampa.

Draghi ha aggiunto: “Dobbiamo tornare a discutere di questa questione. È una questione che sarà all’ordine del giorno di un altro Consiglio europeo, ma un accordo deve essere raggiunto”.

Ha spiegato che la strategia per la gestione dei flussi migratori deve essere basata su tre pilastri: redistribuzione, interventi economici degli Stati ma anche “dall’Unione Europea nel suo insieme”, e “cooperazione bilaterale e multilaterale con i paesi di partenza, senza dimenticare il ruolo”. Delle Nazioni Unite “.

“Questi strumenti devono essere usati con equilibrio, efficacia e umanità. I ​​corridoi umanitari devono essere ripresi e devono essere efficaci”, ha concluso Draghi. “Dobbiamo cambiare velocità in tutte le direzioni”, ha aggiunto.

Nel frattempo, il ministro dell’Interno italiano Luciana Lamorgues e il commissario per gli affari interni dell’Unione europea Elva Johansson sono volati giovedì in Tunisia per discutere un accordo di partenariato strategico tra l’Unione europea e la Tunisia, che include il controllo dei flussi migratori irregolari e l’assistenza economica per rilanciare il paese. Espansione dei canali di migrazione regolari.

Il premier tunisino Hicham El Mechichi ha promesso all’Italia di aumentare i viaggi di ritorno in patria e di attivare una “linea diretta” per informare immediatamente le autorità del Paese africano di lasciare le barche dalla costa, in modo che possano essere rimandate a terra.

Lamorgues ha commentato l’impegno dell’Italia per “aiutare concretamente la Repubblica tunisina ad affrontare sfide molto complesse, in primis per quanto riguarda il futuro dei giovani di questo Paese, che legittimamente aspirano, come i loro coetanei europei, a condizioni di vita e di lavoro soddisfacenti”.

READ  Il settore alimentare italiano continua a riprendersi ad aprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *