Il primo ministro italiano Mario Draghi deve affrontare la resistenza del suo più forte alleato

Il più forte sostenitore politico di Mario Draghi è diventato una spina inaspettata per il primo ministro italiano.

In teoria, l’agenda democratica, moderata e filoeuropea è perfetta per Draghi e dovrebbe farne l’ancora dell’ampia ma divisa coalizione del primo ministro. Nonostante ciò, nelle ultime settimane, i democratici sono stati allarmati dagli insulti percepiti di Draghi a tutto, dalla pandemia alle tasse all’occupazione.

Il principale partito di centrosinistra italiano ha spinto per un’estensione del congelamento delle sparatorie che Draghi vuole ridurre come sostegno aziendale mentre il primo ministro blocca le richieste dei democratici di tasse più alte agli italiani più ricchi. Le tensioni hanno raggiunto il culmine il 20 maggio, quando Draghi ha tenuto una conferenza stampa per presentare l’ultimo pacchetto di stimoli del governo.

Il segretario del lavoro Andrea Orlando, un democratico, ha teso un’imboscata al premier annunciando la proroga del blocco dei licenziamenti. Questo era qualcosa che non era stato concordato in anticipo, secondo i funzionari che avevano familiarità con la mossa, e Draghi fu costretto a trovare un compromesso dopo che gli alleati della coalizione e gli imprenditori si lamentarono.

Poche ore prima, il leader democratico Enrico Letta aveva fatto una doppia proposta per aumentare le tasse sugli individui con un patrimonio netto elevato e pagare una taglia di 10.000 euro ($ 12.000) ai diciottenni. La risposta di Draghi è stata rapida: “Non è il momento di prendere soldi dalle persone, ma di restituirli”.

I democratici stavano spingendo per un’agenda più progressista all’interno della coalizione, promuovendo una legge che avrebbe reso più facile per i bambini immigrati diventare italiani e un’altra per punire l’incitamento all’odio.

READ  La quota di M & M è aumentata del 3% poiché la società ha istituito un centro di design avanzato nel Regno Unito

Da un lato, Draghi si è concentrato sulla rapida riapertura dell’economia e sulla riduzione della burocrazia che ostacola gli investimenti, cosa che soddisfa le richieste pubbliche di Matteo Salvini, leader della Lega di destra. Un portavoce dell’ufficio del primo ministro ha rifiutato di commentare.

Dopo aver incontrato Draghi giovedì nella loro terza conversazione da quando è entrato in carica, Lita ha detto in un tweet che i due “sono pienamente d’accordo nel portare avanti le riforme della giustizia, della finanza e dell’occupazione che sono la spina dorsale dell’accordo UE”. Un alto funzionario democratico ha detto che Lita e Draghi si conoscono da anni e parlano apertamente tra loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *