Il primo ministro armeno avverte di un tentativo di colpo di stato dopo che l’esercito ha chiesto le sue dimissioni Notizie di politica

Le tensioni stanno aumentando tra Nikole Pashinyan e l’esercito mentre un nuovo movimento di protesta contro il primo ministro prende slancio.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha avvertito di un “tentativo di colpo di stato” contro di lui dopo che alti funzionari militari hanno chiesto le sue dimissioni per la sua gestione del conflitto del Nagorno-Karabakh lo scorso anno.

Sotto la pressione di un crescente movimento di protesta, Pashinyan ha annunciato giovedì di aver espulso Onik Gasparyan, capo di stato maggiore dell’esercito, e ha esortato l’esercito ad ascoltare solo i suoi ordini.

“Il problema più importante ora è mantenere il potere nelle mani della gente, perché considero quello che sta accadendo un colpo di stato militare”, ha detto Pashinyan in un discorso alla nazione trasmesso su Facebook.

Giovedì anche folle di manifestanti dell’opposizione sono scese per le strade di Yerevan cantando: “Nicole, traditrice!” E “Nicole, smettila!” Mentre si chiudono le strade e si paralizza il traffico intorno alla capitale.

Il primo ministro è stato poi visto marciare a Yerevan con centinaia di suoi sostenitori.

Pashinyan ha dovuto affrontare le richieste di dimissioni da novembre, con i critici irritati per l’esito del conflitto di sei settimane nel Nagorno Karabakh che ha causato migliaia di vittime da entrambe le parti, ma ha visto cedere vaste aree di terra nella regione montuosa dell’Azerbaigian e nei dintorni.

La guerra si è conclusa a novembre quando le due parti hanno firmato un accordo di pace mediato dalla Russia.

Le manifestazioni si sono svolte nel cuore dell’inverno armeno, ma sono riprese nei giorni scorsi.

READ  Ho visto una ragazza "spingere" prima che un monolocale crollasse lasciando 7 morti per "interrogatorio" - World News

Le manifestazioni anti-Pashinyan sono iniziate a novembre, all’indomani del conflitto nel Nagorno-Karabakh [Armenian Prime Minister Press Service/Tigran Mehrabyan/PAN Photo via Reuters]

Non era chiaro se i militari volessero usare la forza per sostenere la sua dichiarazione, che è stata rilasciata giovedì e firmata da Gasparian e altri alti ufficiali militari.

Il comunicato afferma: “La gestione inefficace dell’attuale governo e gravi errori in politica estera hanno messo il Paese sull’orlo del collasso”.

Le tensioni tra l’esercito e Pashinyan stavano già aumentando. Pashinyan ha licenziato il Primo Vice Capo di Stato Maggiore Generale, Tiran Khatchatrian, all’inizio di questa settimana.

Khachatrian ha deriso l’affermazione del primo ministro secondo cui solo il 10 per cento dei missili Iskander forniti dalla Russia e utilizzati dall’Armenia nella guerra del Nagorno-Karabakh sono esplosi all’impatto.

Mosca chiede calma

Il Nagorno Karabakh è internazionalmente riconosciuto come territorio dell’Azerbaigian, ma era sotto il controllo delle forze etniche armene e degli autoproclamati funzionari armeni, con il sostegno dell’Armenia sin dalla precedente guerra tra i due rivali che si concluse con un cessate il fuoco nel 1994.

Il Cremlino ha detto giovedì di essere preoccupato per le crescenti tensioni politiche in Armenia, dove Mosca ha una base militare.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, parlando ai giornalisti in una teleconferenza, ha invitato l’esercito e il governo di Pashinyan a risolvere le loro divergenze pacificamente e nel quadro della costituzione.

Robin Forester Walker di Al-Jazeera, della vicina Georgia, ha detto che Pashinyan è stato “in conflitto politico per tutta la vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *