Il primo duello indiano a raggiungere le Olimpiadi, Bhavani Devi: mia madre ha dovuto ipotecare i suoi gioielli

Dice Bhavani Devi, che recentemente è diventato il primo schermidore indiano a qualificarsi per le Olimpiadi dopo aver vinto i titoli Laurel alla Sabre World Cup a Budapest.

Dopo aver prenotato il suo posto per le Olimpiadi, dopo la notizia del suo primo grande evento internazionale di scherma dallo scoppio della pandemia, Davey condivide come i suoi pensieri di lotta le siano tornati nei momenti di vittoria. “Per qualche minuto, ho pensato al lavoro che avevo fatto, ai sacrifici che la mia famiglia aveva fatto per la mia carriera di scherma … Ma capisco che ho ancora molta strada da fare, quindi lo considero la fase successiva”, dice la 27enne, che ha viaggiato con il suo allenatore italiano Nicolas Zanotti via terra per 10 ore dalla sua base di allenamento a Livorno, in Italia, a Budapest per partecipare a questo torneo.

“Non potevamo contare sui voli e ci sarebbero volute comunque 12 ore, quindi il mio allenatore ha suggerito di scendere. Sono molto grato per i suoi sforzi; ha guidato la sua macchina da e per la sede del torneo. Ricorda Bhavani, il più giovane di cinque fratelli. “Che avevo cinque figli da crescere, i miei genitori non hanno mai rinunciato alla mia formazione. Hanno capito la mia voglia di giocare. Per 10 anni hanno affrontato una lotta tremenda e hanno superato la loro capacità di aiutarmi. Mia madre ha ipotecato i suoi gioielli quando il gioco si fa duro, e questo è ciò che mi ha portato qui “, aggiunge.

Durante i suoi primi anni, non aveva un istruttore o accesso a una buona attrezzatura. “La scherma è uno sport costoso. Ci stavamo allenando con le canne di bambù perché non riuscivamo a rompere le spade che avevamo!”, Dice Davey, che ha rapidamente conquistato lo sport della scherma e ha vinto il suo primo oro ai Campionati Nazionali Juniores 2004, all’età di 11! “Quando ero giovane, ero ispirata da atleti come Sania Mirza, e volevo fare un po ‘di sport”, condivide rivelando come gioca la serendipità nella sua scelta di sport: “Nel sesto livello, sono stati introdotti nuovi giochi nella nostra scuola a Chennai, e quando sono andato a registrarmi, la scherma era disponibile Solo perché tutti gli altri campi sono riempiti! ”

READ  Non essere "dalla parte sbagliata della storia", dice Co Italia su Schwazer
Bhavani Devi ora spera di lasciare il segno alle Olimpiadi di Tokyo.

Ma essendo uno sport nel suo stato in erba in India, Bhavani è stato spesso l’unico indiano presente ai tornei internazionali. Oggi, quando guardi indietro, senti: “È un viaggio solitario. Non è uno sport popolare e non a molte persone interessa … Ma fortunatamente, ho lavorato sodo e il supporto veniva da direzioni diverse”, dice, “All’inizio mi sono sentito solo, ma ho capito.” Quello che sto facendo è la cosa più importante … non voglio rimpianti, forse l’avrei fatto se non fossi andato a quella festa o quella gita. ”

La diplomata MBA, che ora sta puntando gli occhi sulle Olimpiadi di Tokyo 2021, sente decisamente la pressione delle aspettative. “Prenderò questa pressione positivamente. Nessuno mi ha mai visto prima, e ora sto guardando (tutta) l’India, guardami giocare! Quello che provo è molto nuovo. Nessuno si è qualificato per le Olimpiadi di scherma dall’India prima. Quindi io non c’è nessuno che guardi “su di lui o torni il loro viaggio. Pertanto, sto tracciando un percorso completamente nuovo e non mi fermerò finché non avrò successo”.

Tweet dell’autore Incorpora un Tweet

Segui altre storie su Il sito di social networking Facebook E Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *