Il presidente yemenita in esilio si fa da parte, la tregua fa sperare di porre fine alla guerra | A cui

Il presidente in esilio dello Yemen si è fatto da parte e ha trasferito i suoi poteri a un consiglio presidenziale, mentre gli sforzi internazionali e regionali per porre fine alla lunga guerra civile del paese hanno preso slancio con una tregua di due mesi.

Arabia Saudita e Gli Emirati Arabi Uniti, sembra che i principali attori del conflitto abbiano avuto un ruolo nella decisione di Abd Rabbo Mansour Hadi, che è stato presto accolto da un impegno di $ 3 miliardi (£ 2,3 miliardi) in aiuti. Il nuovo capo del consiglio ha stretti legami con Riyadh.

Resta da vedere se questo cambiamento accelererà la fine della guerra stridente, in cui i negoziati sponsorizzati dalle Nazioni Unite sono stati bloccati e combattuti, e gli attacchi aerei e missilistici sono proseguiti fino alla fine del mese scorso. Gli Houthi non hanno immediatamente commentato l’annuncio di Hadi.

Hadi ha affermato che il nuovo consiglio guiderà il governo riconosciuto a livello internazionale e guiderà i negoziati con gli Houthi sostenuti dall’Iran, secondo una dichiarazione trasmessa dai media statali.

La mossa mira a unire il campo anti-Houthi dopo anni di combattimenti e disaccordi, ed è stata quasi certamente orchestrata a Riyadh, dove le fazioni yemenite si sono incontrate la scorsa settimana per discutere gli sforzi per porre fine alla guerra.

Con questo annuncio verrà formato un consiglio direttivo presidenziale per completare l’attuazione dei compiti del periodo di transizione. Hadi ha dichiarato alla televisione statale yemenita: “Delega irrevocabilmente i miei pieni poteri al Consiglio del comando presidenziale.

Hadi ha anche licenziato il vicepresidente Ali Mohsen al-Ahmar, una potente figura militare, e ha delegato i poteri di al-Ahmar al Consiglio di Presidenza.

READ  Meteo Irlanda - Allerta arancione per alte temperature per sei contee, mentre il resto del Paese è in allerta gialla poiché le temperature raggiungono i 30°C

Il Consiglio di Presidenza è guidato da Rashad Al-Alimi, consigliere di Hadi ed ex ministro dell’Interno nel governo dell’ex presidente Ali Abdullah Saleh.

Al-Alimi ha stretti rapporti con Regno Arabia Saudita e altri gruppi politici all’interno dello Yemen, compreso il potente partito Islah, il ramo transnazionale dei Fratelli Musulmani nello Yemen.

Il consiglio è composto da sette membri, tra cui Aidaros al-Zubaidi, capo del separatista Southern Transitional Council, un gruppo ombrello di milizie pesantemente armate e ben finanziate che gli Emirati Arabi Uniti hanno sostenuto dal 2015.

Ha nominato lo sceicco Sultan al-Aradah, il potente governatore della provincia di Ma’rib, ricca di energia, come membro del consiglio. Così era Tariq Saleh, un leader della milizia e nipote del defunto presidente che aveva stretti legami con gli Emirati Arabi Uniti.

Hadi è stato nominato presidente dello Yemen nel 2012 con il compito di sovrintendere alla transizione democratica dopo la rivolta della Primavera araba che ha posto fine al lungo governo di Saleh.

Tuttavia, gli Houthi, un movimento religioso trasformato in milizia ribelle, si sono allineati con Saleh e hanno catturato la capitale, Sanaa, nel 2014, costringendo Hadi e il suo governo all’esilio in Arabia Saudita.

Mesi dopo, l’Arabia Saudita formò un’alleanza militare ed entrò in guerra per cercare di riportare al potere il governo di Hadi.

Il conflitto negli ultimi anni si è trasformato in una guerra per procura regionale che ha ucciso più di 150.000 persone, inclusi più di 14.500 civili. Ha anche creato una delle peggiori crisi umanitarie del mondo.

L’Arabia Saudita ha accolto favorevolmente la mossa di Hadi, esortando il Consiglio presidenziale ad avviare negoziati guidati dalle Nazioni Unite con gli Houthi per trovare una soluzione “politica, definitiva e globale” al conflitto, secondo l’agenzia di stampa statale saudita.

READ  I sostenitori di QAnon dicono alla CNN che vogliono un colpo di stato militare come il Myanmar

Secondo la TV saudita statale, anche il potente principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, ha incontrato il presidente e i membri del consiglio.

Le parti belligeranti dichiararono a Un cessate il fuoco di due mesi All’inizio di questo mese, è stata la prima tregua a livello nazionale nello Yemen in sei anni.

L’annuncio di Hadi è arrivato quando giovedì i colloqui yemeniti indetti dal Consiglio di cooperazione del Golfo con sede in Arabia Saudita sono entrati nell’ultimo giorno. Gli Houthi hanno boicottato gli sforzi facilitati dal Consiglio di cooperazione del Golfo perché si stanno svolgendo in Arabia Saudita, territorio del loro avversario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *