Il presidente austriaco afferma che i vaccini del governo dell’UE vengono distribuiti equamente mentre l’Italia si propone di chiudere scuole e negozi

L’UE ha attualmente contratti per oltre due miliardi di dosi di sei diversi vaccini, sebbene finora solo quattro siano stati approvati per l’uso e solo 60,7 milioni di dosi siano state distribuite in tutta l’UE.

Nel frattempo, venerdì il premier italiano Mario Draghi dovrebbe annunciare nuove dure misure di blocco, in vigore dal 15 marzo al 6 aprile, durante le quali l’Italia chiuderà l’intera “zona rossa” durante le vacanze di Pasqua.

Da lunedì, scuole, ristoranti e negozi in molte parti del Paese saranno chiusi a causa delle ultime restrizioni imposte nel tentativo di frenare le varianti in rapida diffusione che hanno causato la terza ondata di epidemia, che sta già rendendo difficile per ospedali in molte regioni.

Questa è un’altra battuta d’arresto per l’Italia, la terza economia della zona euro, che ha registrato più di 100.000 decessi correlati al coronavirus dallo scoppio dell’epidemia di Covit-19 un anno fa, con conseguenti una serie di gravi blocchi e il peggior post – collasso economico di guerra.

“Il virus si sta diffondendo. Abbiamo bisogno di misure di controllo oggi per salvare l’estate. Faremo meglio presto”, ha detto il governatore dell’Emilia-Romagna Stefano Bonasini, presidente della Conferenza regionale italiana sugli affari regionali e locali, secondo quanto riferito dal telegiornale italiano agenzia ANSA.

Lunedì, 12 regioni d’Italia dovrebbero trasformarsi in “zone rosse”, con i controlli del coronavirus in Italia, l’apprendimento a distanza per tutti gli studenti e ristoranti, bar e negozi non essenziali chiusi per i clienti.

Ci sono meno restrizioni su alcune zone “arancioni” e “gialle”, come la Sicilia. Solo una zona, l’isola della Sardegna, ha un basso rischio di contagio, la “zona bianca” è la mancanza di misure di controllo.

READ  La Francia vince 6N in Italia | Canberra Times

Secondo Reuters, il progetto di decreto prevede una chiusura a livello nazionale nel periodo che precede la Pasqua. I negozi non essenziali saranno chiusi in tutta Italia dal 3 aprile al 5 aprile. A quei tempi gli italiani potevano lasciare le loro case solo per motivi di lavoro, salute o emergenza.

Qualsiasi area con un indice di infezione (RT) superiore allo standard attuale di 1,25 dovrebbe ora essere considerata la massima allerta prevista per essere considerata una “zona rossa”: Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche, Trentino Aldo-Adiz, Emilia-Romagna e Friuli -Venezia.

“Dopo tutto, la variante governativa del Regno Unito è responsabile di più di 1.000 casi al giorno nelle due province più gravemente colpite qui”, ha detto Fabrizio Bregliasco Milano, direttore del Virologo e dell’Ospedale Caliassi di Milano. Courier della sera.

Non è chiaro se anche la regione Lazio, che comprende Roma, rientrerà in questa categoria di rischio massimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *