Il premier Li esorta a ratificare l’accordo sugli investimenti Cina-UE

Foto: VCG

Lunedì, durante una conversazione telefonica con la sua controparte italiana, il premier cinese Li Keqiang ha esortato a unire gli sforzi e a ratificare il più presto possibile l’accordo di investimento globale (CAI) tra Cina e Unione europea, iniettando una nuova dose di ottimismo nell’accordo di investimento ancora enorme. . Sospeso nell’aria.

Durante la sua conversazione con il primo ministro italiano Mario Draghi, il premier ha affermato che la Cina e l’Unione europea possono impegnarsi in una cooperazione aperta e pragmatica e risolvere le divergenze attraverso il dialogo e la negoziazione sulla base del rispetto reciproco.

“La cooperazione tra Cina e Unione Europea spingerà la ripresa economica globale”, si legge in un comunicato diffuso dal governo centrale, citando il premier, che ha sollecitato sforzi congiunti per firmare l’accordo e attuarlo il prima possibile.

Il premier ha sottolineato che l’Italia, un importante membro dell’Unione Europea, dovrebbe continuare a svolgere un ruolo attivo nel promuovere il sano e stabile sviluppo delle relazioni Cina-UE, aggiungendo che “la parte cinese desidera rafforzare la cooperazione con l’Italia nelle aree come il commercio, gli investimenti e l’energia “Affrontare il cambiamento climatico”.

Draghi, da parte sua, ha espresso la sua disponibilità ad approfondire le partnership con la Cina nei settori dell’energia, dell’aviazione, dell’economia, del commercio e degli investimenti, rilevando che l’Italia sostiene quanto prima il proseguimento dell’accordo CAI attraverso il dialogo.

All’inizio di questo mese, l’Unione europea sembrava deviare dai commenti di Valdes Dombrovskis, vicepresidente esecutivo del blocco, sulla sospensione della ratifica dell’accordo. Il South China Morning Post (SCMP) ha riferito che un portavoce dell’UE in seguito ha affermato che i commenti di Dombrovskis erano fuori contesto.

READ  L'Italia celebra Ennio Morricone con una nuova moneta

“L’accordo ora necessita di revisione legale e traduzione prima di essere presentato per l’approvazione e la ratifica”, afferma una dichiarazione scritta. “Tuttavia, il processo di ratifica dell’accordo non può essere separato dalle dinamiche in evoluzione del rapporto più ampio tra l’Unione europea e la Cina. . ” Dall’Unione Europea pubblicato da SCMP.

La Cina e l’Unione Europea hanno concluso sette anni di negoziati sull’aeroporto internazionale del Cairo alla fine del 2020 e il blocco europeo ha dichiarato di voler completare il processo di ratifica entro il 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *