Il premier italiano spera che la carta verde consentirà la ripresa delle attività economiche e sociali il prossimo mese – MercoPress

Il premier italiano spera che la carta verde permetta la ripresa delle attività economiche e sociali il prossimo mese

Mercoledì 26 maggio 2021 – 08:00 UTC


Dopo aver vaccinato gli adulti in Europa, Von der Leyen si rivolgerà ai bambini.

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha detto martedì alla Commissione europea a Bruxelles che è fiducioso che la vaccinazione del “corridoio verde” sarà pronta a metà giugno in modo che le attività economiche e sociali possano riprendere, incluso il ritorno dei turisti all’inizio del stagione.

Draghi ha spiegato che tra i leader dell’UE c’è stata una certa compiacenza con il modo in cui i vaccini stanno procedendo un po ‘ovunque. ??

Nel frattempo, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha sottolineato che entro questa settimana la metà degli adulti nell’Unione europea avrà ricevuto la prima dose ?? Ha anche elogiato i continui progressi ?? Ottenuto finora grazie a 300 milioni di dosi finora applicate al 46% della popolazione adulta nell’Unione Europea. Von der Leyen ha anche parlato di quasi un miliardo di dosi che saranno disponibili nella seconda metà del 2021, ?? Molto di più di quello che ci vuole ?? Vaccinare tutti gli europei. E dopo gli adulti, si rivolgerà ai bambini.

Alla fine del mese, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) deciderà di vaccinare le persone di età compresa tra 12 e 15 anni. Successivamente, inizierà a valutare le vaccinazioni nelle scuole.

Tuttavia, rimangono molte domande sul futuro dell’immunità, come la durata della copertura e poi quanto tempo impiega la seconda vaccinazione. Durata del green pass ?? È correlato a questo, ed è l’aspetto su cui si deciderà la media mobile esponenziale.

READ  L'Italia rifiuta l'accordo dei due Stati per Cipro divisa in modo etnico | Scienziato

La seconda domanda è se anche i bambini dovrebbero essere vaccinati e la terza domanda è come adattarsi alle nuove variabili. Si dice che i vaccini agiscano contro i ceppi noti del virus, ma nessuno sa cosa potrebbe riservare il futuro. Pertanto, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) amplierà la sorveglianza delle varianti dall’Europa al resto del mondo.

Tuttavia, l’incontro di martedì non è stato fruttuoso per quanto riguarda il cambiamento climatico e tutto è stato rinviato per un futuro incontro. L’Unione europea resta divisa tra chi vuole rivedere gli standard per condividere gli sforzi per ridurre le emissioni (i paesi fondatori) e chi vuole lasciare i paesi attuali (i paesi dell’est ne beneficiano di più).

Draghi ha detto che era importante che i diversi punti di vista iniziassero a confrontarsi e che era stata fissata una data in cui la commissione presenterà il piano climatico che è stato appena formulato oggi ma che è molto importante e innovativo. ?? Ha anche spiegato che “sono attese trasformazioni fondamentali e uno dei problemi che tutti hanno sollevato è l’importanza della protezione sociale nel processo di trasformazione ambientale. Tutti si rendono conto che i più deboli devono essere protetti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *