Il pianeta “Farfarout” è l’oggetto conosciuto più distante nel sistema solare

L’oggetto più distante nel nostro sistema solare è stato identificato da Scienziati di astronomia.

È stato dato il soprannome appropriato “Farfarout” e classificato come Pianeta Terra.

Ciò significa che è troppo piccolo per essere considerato un pianeta o un pianeta nano ma comunque una massa in orbita attorno al nostro sole.

C’è stato un tempo in cui gli astronomi credevano che Plutone fosse l’oggetto più lontano in orbita attorno al sole.

I progressi tecnologici significano che gli scienziati ora hanno una visione più profonda dello spazio.

Scientificamente noto come AG37 del 2018, Farfarout si trova a circa 12,4 miliardi di miglia dal Sole.

In confronto, la Terra dista solo circa 93 milioni di miglia.

Il pianeta nano Plutone è a circa 3,7 miliardi di miglia di distanza.

Tuttavia, Farfarout a volte si è spostato più vicino al Sole e alla Terra nel suo percorso orbitale di 1.000 anni.

La sua forma orbitale significa che c’è un punto ogni 1000 anni in cui Varvarot diventa più vicino al Sole sia di Nettuno che di Plutone.

Questa GIF mostra il movimento Farfarout, evidenziato, tra il 15 gennaio e il 16 gennaio 2018, come visto con il Subaru Telescope.
Questa GIF mostra il movimento Farfarout, evidenziato, tra il 15 gennaio e il 16 gennaio 2018, come visto con il Subaru Telescope.
Contro Scott S. Sheppard / Carnegie Institution for Science

Quindi potrebbe essere l’oggetto più distante nel nostro sistema solare in questo momento, ma non terrà sempre quell’indirizzo.

C’è un pianeta nano chiamato Goblin che è attualmente più vicino al Sole di Farfarout ma ha la capacità di allontanarsi ulteriormente dal suo percorso orbitale.

David Tholen ha cercato Università delle Hawaii Ha detto: “Le dinamiche orbitali di Farfarout possono aiutarci a capire come si è formato ed evoluto Nettuno, poiché Farfarout probabilmente si è lanciato nel sistema solare esterno avvicinandosi molto a Nettuno in un lontano passato”.

READ  Il movimento delle ombre delle spie di ricognizione lunare vicino al polo sud della luna

“Farfarout probabilmente interagirà di nuovo con Nettuno perché le loro orbite continuano a intersecarsi”.

Il tempo orbitale di Farfaroot era di 1.000 anni, il che significava che i ricercatori dovevano studiarlo per anni per determinarne il corso.

In realtà è stato scoperto nel 2018 ma la sua esatta distanza non è stata determinata fino a poco tempo fa.

Gli astronomi ritengono che sia largo circa 250 miglia.

Sarebbe rimasto sotto osservazione e alla fine gli sarebbe stato dato un nome ufficiale più pericoloso di Farfarout e meno specifico per i dati rispetto al 2018 AG37.

Percezione dell'artista su "Farfruit" All'esterno del nostro sistema solare.
Visualizzazione di un artista di “Farfarout” sui confini esterni del nostro sistema solare.
NOIRLab / NSF / AURA / J. da Silva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *