Il Papa porta speranza ai poveri con una visita all’omonima casa di Assisi

ASSISI, Italia (AP) –

Venerdì Papa Francesco si è recato nella cittadina collinare che porta il suo nome per la quinta volta nel suo pontificato per onorare i più poveri ed emarginati e per esortare la Chiesa ad accoglierli e a prendersi cura di loro.

In uno dei suoi primi viaggi in Italia dopo la pandemia di coronavirus, Francesco si è preso del tempo per salutare gli scolari e alcune delle 500 persone portate dai gruppi caritativi cattolici ad Assisi per unirsi a Francesco nella celebrazione della Giornata mondiale dei poveri della Chiesa cattolica.

Un rifugiato ha regalato a Francesco un bastone da passeggio e un mantello da pellegrino fuori dalla Basilica di Santa Maria degli Angeli, che ospita la famosa Chiesa della Porziuncola, luogo di nascita dell’Ordine Francescano del Papa, San Francesco d’Assisi.

Francesco ha salutato i bambini disabili in chiesa e ha pregato in chiesa prima di ascoltare la testimonianza di una manciata di persone che hanno dato testimonianze strazianti della loro vita a margine.

Un ex spacciatore spagnolo ha raccontato come ha cambiato la sua vita dopo che un prete gli ha sorriso e gli ha offerto un rifugio. Una donna romana ha pianto quando ha detto a Francis che soffriva di un dolore così cronico da non poter lavorare. Due afgani hanno raccontato di come sono recentemente fuggiti in Italia dopo che i talebani hanno preso il controllo del loro paese, solo per sentire che le loro anime erano ancora lì.

Coloro che hanno dato la loro testimonianza sono rimasti soffocati e hanno pianto pubblicamente mentre parlavano con il Papa, che li ha ringraziati per il loro coraggio nel raccontare le loro storie e “aprire i loro cuori per donarci le loro ricchezze e guarire i nostri cuori feriti”.

READ  Erdogan: Turchia, Francia e Italia prenderanno provvedimenti sulla difesa missilistica

“La presenza dei poveri è spesso vista come un fastidio ed è tollerata”, ha detto Francesco dell’altare. «Lo sentiamo talvolta dire che i responsabili della povertà sono i poveri! Per non fare un serio esame di coscienza sulle proprie azioni, circa l’ingiustizia di certe leggi e misure economiche, e l’ipocrisia di chi vuole arricchire se stessi eccessivamente, la colpa è posta ai piedi dei più deboli».

Ha detto che i credenti possono imparare dall’esempio di Francesco e da coloro che offrono rifugio ai poveri e agli emarginati. “Ospitalità significa aprire la porta, la porta della nostra casa e la porta del nostro cuore, e far entrare chi bussa”, ha detto Francesco. “E che possano sentirsi i benvenuti, non vergognarsi.”

Durante un’osservazione informale, Francesco ha lanciato un grido anche all’arcivescovo francese in pensione di Lione, il cardinale Philippe Barbarin, che ha partecipato alla messa. Barbarin si è dimesso dopo che un tribunale francese lo ha dichiarato colpevole di aver insabbiato un prete pedofilo, ma la sua sentenza è stata annullata in appello.

Francesco ha detto che Barbarin sapeva bene cosa significasse “soffrire con dignità dell’esperienza della povertà, dell’abbandono e della sfiducia”.

“Si è difeso con il silenzio e la preghiera”, ha detto Francesco, mentre Barbarin visibilmente commosso, ascoltando dai sedili. “Grazie, cardinale Barbarin, per la sua testimonianza che edifica la Chiesa”.

I poveri stavano ospitando un pranzo offerto dall’arcivescovo di Assisi, mentre il Papa doveva tornare nel suo nativo Vaticano entro mezzogiorno.

Il gesuita argentino è il primo papa in assoluto a definirsi un monaco del XIII secolo, che ha abbandonato lo stile di vita ricco e decadente per abbracciare una vita di povertà e semplicità. Il Papa ha detto nei primi giorni del suo pontificato di aver scelto di chiamarsi San Francesco perché voleva “una chiesa povera e per i poveri”.

READ  Il G20 lavora all'accordo internazionale sull'imposta sulle società entro luglio | Globalismo

Francesco è stato ad Assisi l’ultima volta nell’ottobre 2020, quando ha firmato il suo ultimo messaggio pubblico, “I fratelli di tutti”, sulla tomba di San Francesco in memoria della morte del santo.

___

Winfield segnalato da Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *