Il Pakistan attende notizie di aver perso il campione nazionale di arrampicata sul K2 | Pakistan

Muhammad Ali Sadbara, l’alpinista di maggior successo del Pakistan e un eroe nazionale nel suo paese, era perfettamente consapevole dei pericoli derivanti dall’arrampicata sulle montagne più alte del mondo in inverno.

Sadbara è stato uno dei primi membri della squadra a scalare la vetta del Nanga Parbat di 8.126 metri nell’inverno del 2016, ed è tornato tre anni dopo per aiutare a salvare l’alpinista britannico scomparso Tom Ballard. Che è morto nel Nanga Parbat.

Adesso Sadpara, 45 anni, lo è Mancano altri due alpinistiJohn Snorri, 47 anni, è islandese e Juan Pablo Mohr, 33 anni, cileno, è sul K2, la seconda montagna più alta del mondo.

I tre sono stati visti l’ultima volta tre giorni fa dal figlio di Sadbara Sajid intorno a mezzogiorno di venerdì, in quella che è considerata la parte più difficile della salita: Bottleneck, un canyon ripido e stretto a soli 300 metri dagli 8.611 metri quando Sajid è stato costretto. Tornare indietro a causa di una maschera di ossigeno rotta.

Lo spot è sopra il tetto degli elicotteri che da tre giorni cercano uomini. “Muhammad Ali Sadbara è un eroe nazionale e un antenato del paese”, ha detto lunedì il portavoce militare pakistano Babar Iftikhar. “L’esercito pakistano sta facendo tutto quanto in suo potere per salvarlo”.

In un mondo dominato per lungo tempo da alpinisti occidentali, Sadpara, come l’alpinista nepalese Nirmal “Nimsdai” Purja, che era tra la squadra di Sherpa che ha effettuato la prima salita invernale di successo del K2 in poche settimane, si distingue per i suoi successi. Oltre al Nanga Parbat in inverno, ha scalato otto delle 14 montagne del mondo a un’altitudine di 8.000 metri e ha ricevuto il patrocinio del governo pakistano per scalare il resto.

READ  Italy takes action against TikTok after the girl's death

Sadbara ha iniziato la sua carriera nell’arrampicata in alta quota come portatore sul ghiacciaio del Baltoro al K2 nel 2004, prima di innamorarsi dell’arrampicata in alta quota, scatenando indignazione in un’intervista di quattro anni fa per la mancanza di opportunità che gli alpinisti pakistani stavano confrontando con squadre straniere , Sebbene ci siano cinque delle montagne più alte del mondo alle loro porte.

Tuttavia, la prima salita di Nanja Parbat nell’inverno del 2016 con Simon Morrow e Alex Texikon, lo ha spinto nei ranghi dell’élite globale.

Parlando ai giornalisti domenica, Sajid ha ammesso che c’erano poche possibilità che i tre potessero sopravvivere ad altissima quota nel K2 in inverno, aggiungendo che aveva aspettato tutta la notte al Camp Bottleneck, credendo che i tre avessero raggiunto la vetta e che l’avrebbero fatto. scendere.

Ha detto: “Ho tenuto la luce della mia tenda accesa di notte, pensando che l’avrebbero vista quando sarebbero tornati”.

“Penso che se cercano i corpi ha senso continuare [rescue] Operazione, ma le loro possibilità di sopravvivenza, se ti trovi a quota 8000 (metri) in inverno per due o tre giorni … è quasi inesistente “.

È stato il secondo tentativo del gruppo di scalare un K2 questo inverno, in una stagione che ha già visto altri tre alpinisti uccisi nella zona.

Sadbara, che è cresciuto nel villaggio di Sadbara nella comunità dei portatori nel distretto di Skardu, una volta ha spiegato le dinamiche finanziarie che hanno spinto molti sulle montagne a trasportare carichi per le spedizioni straniere, ma pochi si arrampicano da soli.

“Arrampica molto per soldi, che non è molto, ma sostiene le persone. Tuttavia, molti dei miei compagni portatori non vogliono salire. Se hanno migliori possibilità, smetteranno di arrampicare”.

READ  The Chinese CDC study found that the Coronavirus infection in Wuhan may be 10 times higher than reported

“Francamente, se me lo chiedi, non voglio che i miei figli lavorino in questo campo. I miei figli stanno studiando, uno di loro è al college e si è semplicemente rifiutato di arrampicare. Voglio essere in grado di guadagnare abbastanza per sostenere il mio famiglia.”

Mentre gli elicotteri cercavano i tre livelli superiori della montagna, i media pakistani seguivano lo sforzo con aggiornamenti quasi ogni ora e gli utenti dei social media hanno pubblicato le loro speranze in un salvataggio anche se le probabilità sono diminuite.

Tra coloro che ancora speravano in un suo ritorno sicuro c’era la scrittrice Fatima Bhutto, che lunedì ha twittato: “Spero vivamente che Ali Sadbara torni sano e salvo”.

Altri, invece, hanno accettato ciò che temevano fosse inevitabile. “Oggi ti abbiamo perso riposando in alto sul K2”, ha detto Karim Shah Naziri, sciatore e scalatore. twittare.

“ L’uomo che era sempre pronto per l’operazione di soccorso per salvare vite umane, oggi ricordo la tua foto del 27 febbraio 2019 quando ero pronto per un soccorso [Danielle] Nardi e Tom sul Nanga Parbat “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *