Il mosaico verrà visualizzato dopo essere stato esposto come un tavolo di New York in Italia

Nemi, Italia – Un mosaico saccheggiato, che un tempo ornava la nave dell’imperatore romano Caligola e finito come tavolino da caffè a New York, è tornato a casa giovedì, dove i dettagli della fuga di fortuna sono stati rivelati durante un’indagine.

Nel 40 d.C., le autorità hanno svelato un mosaico al Museo delle navi romane, costruito negli anni ’30 per ospitare i tesori di due grandi navi cerimoniali commissionate da Calicula. Alla fine le navi affondarono e furono scavate dalle profondità del Lago di Nemi. I Monti Albani a sud di Roma, a partire dalla fine del 1890.

Il mosaico stampato geometricamente di 1,5 metri quadrati in una ricca pietra verde, rosso-viola e bianca faceva parte del sito incorporato in una delle navi, che è stato progettato e decorato come un palazzi fluttuante come testimonianza della magnificenza di Calicula.

Non è chiaro quando il mosaico sia passato in mani private o in quali circostanze. Ma alla fine è stato acquistato da un antiquario di New York e dal marito giornalista italiano, che lo hanno rispedito a New York, realizzando un tavolino da caffè nel suo appartamento di Park Avenue.

Si è tenuto fino al 23 ottobre 2013. Quella sera, nella gioielleria bulgara sulla Fifth Avenue a Manhattan, il marmo e gemmologo Tario del Buffalo ha tenuto un discorso e ha firmato il suo nuovo libro, Porbury. La rara pietra rosso porpora, voluta dagli imperatori romani, era frequentata dall’élite culturale di New York.

Quando ha firmato i libri, Del Buffalo ha detto di aver sentito due donne uscire dal suo libro: “Questo è il mosaico di Helen! Questo è il mosaico di Helen! Dopo aver visto la foto dell’opera.

READ  Il ristorante Houston Ben Berg aprirà un nuovo ristorante italiano all'altezza

“Non capisco”, ha detto Del Buffalo quando è stato esposto giovedì al Mosaic Naomi Museum. “C’erano molti esperti d’arte che chiedevano: ‘Chi è Helen?’ Mi hanno detto che era una casa in Park Avenue e una donna con lo stesso mosaico. “

Helen è una mercante di antiquariato Helen Fioretti, che presto fu coinvolta in un’indagine dell’Ufficio del Procuratore Distrettuale di Manhattan, del Ministero della Cultura Italiano e del Comitato per le Arti dei Carabinieri, che saccheggiarono e finirono per cercare antichità. In collezioni private e nei migliori musei americani.

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha annunciato nell’ottobre 2017 di aver sequestrato il mosaico e di averlo consegnato ai funzionari dell’ambasciata italiana, che lo hanno rispedito in Italia. È in mostra temporanea dall’Italia, ma è tornato giovedì al Museo Naomi con altri manufatti delle navi di Calicula.

Pioretti ha detto all’Associated Press al momento della sua cattura che aveva acquistato il mosaico in buona fede 40 anni prima quando viveva in Italia e che apparteneva alla famiglia aristocratica Barberini. Non è mai stato processato e ha deciso di non competere per il sequestro perché credeva che sarebbe costato di più e avrebbe richiesto più tempo.

“È stato un acquisto innocente”, ha detto, aggiungendo che la vendita è stata mediata da uno storico dell’arte italiano noto per il suo lavoro di recupero di opere d’arte rubate dai nazisti. “Eravamo così contenti. Ci è piaciuto molto. L’abbiamo tenuto per anni e la gente lo ha sempre apprezzato”.

Del Buffalo ha detto che l’ufficio del procuratore distrettuale gli ha chiesto di approvare il mosaico. Ha detto di aver immediatamente approvato l’uso di pezzi tondi di porfido e il recupero di fessure verticali.

READ  Il vulcano italiano Edna erutta di nuovo

“Quando mi hanno mostrato le foto di un mosaico appartenente a questa donna che vive a New York, ho detto loro; “Sì, lo è”, ha detto.

Del Buffalo ha suggerito che il mosaico non avrebbe mai dovuto essere esposto nel museo, che è stato trasformato in un rifugio antiaereo durante la seconda guerra mondiale e successivamente danneggiato da un incendio. A differenza di altri monumenti, il mosaico non ha mostrato alcuna prova di danni da incendio, che potrebbero essere stati eccitanti prima o durante la guerra, o non è mai stato lì, ha detto, aggiungendo che è stato in mani private da quando è stato scavato.

Il sindaco di Naomi Alberto Ferducci si è detto orgoglioso di accogliere la casa del mosaico.

“Mosaic testimonia quanto siano importanti e lussuose queste navi imperiali”, ha detto giovedì all’apertura. “Queste navi sono come edifici: non sono destinate a navigare, confermano la grandezza di questo imperatore che ha voluto mostrare attraverso queste navi la grandezza del dominio dell’Impero Romano”.

Contributo di Winfield Rome.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *