Il Moonikin della NASA andrà coraggiosamente dove non hai mai avuto un manichino di prova prima

Il nano era legato alla sua sedia Orion e in posizione di lancio.

Il nano era legato alla sua sedia Orion e in posizione di lancio.
immagine: NASA

Dovrebbe andare secondo i piani, il nuovo lancio spaziale della NASA Sistema megarocket lascerà finalmente la terra Novembre, in un viaggio che porterà la capsula di Orione sulla luna e ritorno. Nessuno volerà Sopra Questo Missione inaugurale di Artemis, ma il nome manakin uscirà presto per lungo tempo Con un paio di torso imitazione.

Il sistema di lancio spaziale della NASA è Venendo bene, quindi è naturale che inizi a pensare a un equipaggio, o almeno, a un backup per l’equipaggio reale (l’attuale team di Artemis era già Selezione, nel caso te lo stessi chiedendo). Un coinvolgimento umano in carne e ossa nel lancio del razzo inaugurale sarebbe indescrivibilmente avventato, motivo per cui la NASA sta preparando un nano per la missione.

Ma questo non è un normale manichino per il tuo negozioQuesta bambola sarà dotata di due sensori di radiazione per registrare i dati durante il volo Artemis I. volere Prossimo abbigliamento per la NASA-Generazione, nota anche come vestito di Orione. Una coppia di sensori sarà inoltre installata nel sedile del nano – il sedile del comandante, nientemeno – per monitorare le vibrazioni e l’accelerazione della navicella durante il volo. Il sedile dispone anche di un sistema di umidificazione elettrico, chiamato Crew Impact Mitigation System. Questa funzione di sicurezza è attualmente in fase di test di qualificazione in previsione di una missione con equipaggio sulla Luna.

In effetti, la prima missione di Artemis avrà un grande impatto. Oltre a lanciare l’SLS per la prima volta, la NASA invierà unCapsula Crew Orion – con tutto il rispetto per il nano – in un viaggio di 280.000 miglia (450.000 chilometri) verso la luna e ritorno. Se ci fossero astronauti sull’aereo, sarebbero Sperimenta 2,5 volte la forza di gravità durante l’arrampicata Trasportano alti livelli di radiazioni mentre attraversano le fasce di Van Allen, le nuvole di particelle ad alta energia che si trovano nel mezzo terra e Luna (Prima delle missioni Apollo, la NASA era preoccupata che le cinture di Van Allen potessero effettivamente rivelarsi letale – letale Per gli astronauti, cosa che non si è rivelata così).

La navicella spaziale Orion tornerà anche nell’atmosfera terrestre a velocità fino a 6,8 miglia al secondo (11 km/s), che alla fine tornerà essere il Più veloce Rientro sempre in una capsula spaziale con equipaggio. La forma esterna di Orion sperimenterà anche temperature fino a 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi Celsius), che saranno più calde di quelle che la navicella spaziale ha sopportato durante volo di prova 2014.

Quindi inviare un manichino a bordo di questo primo volo è un’idea intelligente, poiché l’esercizio può rivelare condizioni potenzialmente pericolose per gli astronauti. Inoltre, i dati raccolti durante Artemis I verranno utilizzati “per simulare l’equipaggio di Orion e per verificare la sicurezza dell’equipaggio confrontando le vibrazioni e l’accelerazione del volo con le previsioni pre-volo, quindi apportando miglioramenti al modello se necessario”, ha affermato Mark Baldwin, un addetto alla protezione dei passeggeri. specialista Orion alla Lockheed Martin, spiegato in A dichiarazione. Il successo nella missione aprirà la strada ad Artemis II, dove verrà ripetuta l’esatta missione, ad eccezione di un equipaggio vero e proprio.

Per essere chiari, un nano Artemis non è un manichino per crash test, una classe separata di statura umana, come spiega la NASA:

Simile al nano, la NASA utilizza dispositivi di test antropometrici, o “manichini per crash test”, dotati di vari strumenti per valutare la sicurezza degli altri membri dell’equipaggio. I manichini vengono utilizzati nei test per far cadere una versione di prova di Orion da un aereo, con la serie finale di test prevista per la fine dell’anno, per verificare che il sedile e la tuta Artemis II possano ridurre il rischio di lesioni alla testa e al collo durante i periodi più intensi. accelerazioni. Ambienti – aborto e prolasso. Durante i test di caduta sull’impatto dell’acqua di Langley, le bambole hanno anche occupato i prototipi di capsule dell’equipaggio per aiutare gli ingegneri a capire meglio cosa potrebbero incontrare Orion e il suo equipaggio quando atterrano nell’oceano dopo i voli sulla luna.

Artemis includerei anche un paio di steli replica chiamati Helga e Zohar. La coppia sarà ancorata ai due sedili inferiori di Orion e registrare l’esposizione alle radiazioni durante l’attività. Uno stelo verrà utilizzato per testare un rivestimento anti-radiazioni, chiamato AstroRad, progettato per ridurre l’esposizione.

I due torsi di prova, uno dei quali con una nuova giacca di protezione dalle radiazioni.

I due torsi di prova, uno dei quali con una nuova giacca di protezione dalle radiazioni.
immagine: NASA

questi senza arti Il baule ha nomi, ma il nano no. Almeno non ancora. La NASA ha lanciato un concorrenza Per nominare la bambola, ma quelli di voi sperano di dare cosanny McManikinface sarà profondamente deluso, come l’agenzia spaziale, probabilmente in previsione di un tale trambusto, ha presentato una serie preselezionata di candidati (didascalie fornite dalla NASA):

  • brandello: Diretto e pratico. Sta per Artemis Crew Explorer.
  • campi: Acrobazia, soluzione di problemi. Dedica ad Arturo Campos, l’attore chiave nel portare a casa l’Apollo 13.
  • De los: Nostalgia e romanticismo. L’isola dove nacquero Apollo e Artemide, secondo il mito greco.
  • Dohart: Caldo e accogliente. Dedicato a Erin Dohart Long, chief medical officer del Kennedy Space Center.
  • Montgomery: Pionieristico e innovativo. Dedica a Julius Montgomery, il primo afroamericano a lavorare presso la Cape Canaveral Space Facility come professionista tecnico.
  • Rigel: Luminoso e stimolante. La stella gigante nella costellazione di Orione.
  • Shackleton: Segreto, abbondante. Un cratere al polo sud della Luna e un riferimento al famoso esploratore antartico.
  • Wargo: eccitato, appassionato. Dedica a Michael Wargo, il primo scienziato esploratore dell’agenzia.

A partire da oggi, la NASA chiederà alla gente Sopra TwitterE il Sito di social network Facebook, E il Instagram scegliere da uno dei due nomi. Alla fine, le parentesi nominative saranno ridotte a due finaliste, e Il vincitore sarà annunciato il 28 giugno.

Sono un fan sia di ACE che di SHACKLETON, ma anche MONTGOMERY è fantastico. L’invio di Monty in una missione molto importante sulla luna ha un bell’episodio.

READ  Le stelle di neutroni hanno montagne alte meno di un millimetro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *