Il ministro ha suggerito che la Nato intervenga se Putin supera la “linea rossa” sulle armi chimiche

TIl ministro delle forze armate britanniche ha affermato che l’attacco a un ospedale per la maternità a Mariupol è stato un attacco di artiglieria, non un attacco aereo, ma i dettagli sono ancora in fase di elaborazione.

“La no-fly zone influenzerà gli attacchi di artiglieria”, ha detto al programma Today della BBC Radio 4, dove ha affermato che è “sgradevole” per la Russia lanciare attacchi indiscriminati alle città ucraine e “peggio” se prende di mira deliberatamente un ospedale.

“Francamente, dal punto di vista se stiamo vedendo che questa mattina è un crimine di guerra o no, lo è”, ha detto. “È un crimine di guerra prendere di mira qualcosa del genere ed è un crimine di guerra non prestare la dovuta considerazione nel prendere di mira un sito protetto come un ospedale quando si usa l’artiglieria.

Alla domanda se la possibilità di un attacco con armi chimiche fosse una possibilità e ha cambiato i calcoli della NATO, ha aggiunto: “Quando leggi queste cose, sei assolutamente sbalordito dal fatto che siano oggetto di studio. E il presidente Putin deve chiarire che l’uso delle armi chimiche è la cosa più spregevole che si possa fare.” Chiunque può immaginarlo.

“Per quanto orribili siano le immagini che vediamo oggi sui nostri schermi televisivi di un bombardamento di artiglieria su un ospedale, non sono nulla in confronto alla sofferenza e alla devastazione che causerebbero le armi chimiche”.

Sulla questione se questo significherebbe una linea rossa, Hebei ha risposto che “non è stato utile” speculare su dove potrebbe essere la linea rossa, ma ha detto: “Putin dovrebbe essere chiaro che quando altri paesi usano armi chimiche, ha causato un attacco internazionale.” L’uso di armi chimiche è la cosa più orribile”.

READ  Continuano gli aggiornamenti in tempo reale mentre Cardiff e Scarlett si fermano in Sud Africa in mezzo alla richiesta dell'UE di interrompere i viaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *