Il Milan mantiene il titolo a Cagliari mentre l’Inter perde più terreno

MilanoSabato l’AC Milan ha mantenuto il vantaggio di tre punti vincendo 1-0 sul Cagliari, mentre l’Inter è rimasta indietro rispetto ai rivali locali dopo un pareggio per 1-1 con la Fiorentina.

Ismael Bennacer ha segnato l’unico gol al 59′ di una dura partita in Sardegna per tenere a debita distanza il Napoli dopo un breve pareggio ai punti grazie alla doppietta di Victor Osimhen nella vittoria per 2-1 sull’Udinese.

La terza vittoria sul rimbalzo di Stefano Pioli ha allungato la serie di imbattibilità in campionato a otto partite e ha fatto sperare in un primo scudetto dal 2011, ma è stata una partita segnata da abusi razzisti diretti a Mike Mainan e Fikayo Tomori da una parte dei tifosi di casa. Al fischio finale che ha acceso la partita in campo.

“Non è possibile sentire questo tipo di insulti”, ha detto Beuli a DAZN.

“È la prima volta che reagisce e questo significa che è successo qualcosa di brutto e non sarebbe dovuto succedere. La stessa cosa è stata detta da Tomori”.

È stato il bellissimo gol per vincere la partita, quando il nazionale algerino Nacer ha affrontato l’espulsione di Olivier Giroud con un superbo tiro per la prima volta dal limite dell’area di rigore con il piede sinistro.

Il Milan, però, avrebbe affrontato un finale meno stressante se Davide Calabria non avesse concluso un violento contropiede con una terribile diretta su Alessio Cragno quando era uno contro uno a pochi metri di distanza.

Leonardo Pavoletti colpisce la traversa con un potente colpo di testa mentre si avvicinava il tempo di recupero, ma il Milan resiste sull’orlo della vittoria.

READ  La risposta perfetta di Gary Lineker a Gary Neville dopo le polemiche del Manchester United

I problemi dell’Inter persistono

A otto partite dalla fine, il Milan è in vantaggio sull’Inter a sei punti mentre la squadra di Simone Inzaghi continua a lottare.

Dopo il pareggio di Denzel Dumfries al 55′, i campioni d’Inghilterra hanno cercato di finire la passerella di San Siro, ma la partita si è conclusa con un pareggio inutile.

La squadra di Simone Inzaghi è terza – anche se con una partita in mano – dopo aver vinto solo una delle ultime sette partite di campionato, e quelli che erano stati quattro punti di vantaggio a inizio 2022 gli sono lentamente scivolati tra le dita.

“Sarei più preoccupato se la squadra non creasse occasioni – ha detto Inzaghi -. Nel secondo tempo abbiamo creato tante occasioni”.

“Forse non abbiamo ottenuto i risultati, ma la squadra li stava facendo”.

La Juventus affronterà il prossimo fine settimana nel “Derby d’Italia” e le sue vecchie rivali, che domenica ospiteranno l’ultima Salernitana, sono quattro punti dietro al quarto posto e respirano profondamente dopo 15 partite di campionato senza sconfitte.

La Fiorentina, che ha messo a tacere il pubblico di casa quando Lucas Torreira ha segnato il primo gol quattro minuti dopo il primo tempo, è ottava, un punto dietro le posizioni europee.

Loanee Torreira ha continuato a giocare nonostante avesse perso un dente dopo essere stato colpito in faccia, rimanendo in campo con un batuffolo di cotone in bocca e poi postando una sua foto su Twitter con un buco tra i denti.

Osimene salva il Napoli

Il video assistente arbitrale ha salvato 10 minuti del pareggio di Dumfries quando l’arbitro Daniele Chevy ha annullato la decisione di assegnare un rigore all’Inter dopo il fallo di Lorenzo Venutti su Lautaro Martinez dopo una revisione sul campo.

READ  Le case Gut-Behrami in Italia l'hanno aiutata a pattinare le medaglie d'oro

Osimene è stato l’eroe del momento per il Napoli con la doppietta nel 2-1 sull’Udinese e la sua doppietta ha tenuto all’inseguimento la squadra di Luciano Spalletti.

I gol dell’attaccante nigeriano Osimene al 52° e al 63° minuto hanno assicurato al Napoli di battere l’Udinese allo stadio Diego Armando Maradona dopo che Gerard Deulofeu ha regalato agli ospiti un sorprendente vantaggio a metà del primo tempo.

Il Napoli insegue un titolo di Serie A per la prima volta dai tempi in cui Maradona li ispirò con il suo unico titolo di Serie A nel 1987 e nel 1990, e Osimhen è fiducioso di poter emulare il grande argentino scomparso nel 2020.

“Crediamo ancora, abbiamo otto partite, vogliamo continuare lo slancio per vincere ogni partita e alla fine vedremo. Credo ancora nello scudetto”, ha detto a DAZN. – Agenzia di stampa Francia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *