Il Messico ha recuperato tre antichi manufatti dall’Italia

CITTÀ DEL MESSICO, 29 ottobre (Reuters) – Il Messico ha recuperato venerdì tre antichità rubate e messe all’asta in Italia mentre la nazione latinoamericana ha intrapreso una campagna globale per reclamare la sua arte e i suoi monumenti.

È un vaso di terracotta decorato con oggetti di oltre 2.300 anni, figure umane e due volti umani di porcellana.

Le autorità hanno affermato che i pezzi sono stati confiscati durante l’ispezione di manufatti per l’asta in una sezione che preserva il patrimonio culturale italiano. Il ministero degli Esteri messicano ha affermato che le merci, esportate illegalmente dal Messico, sono state trovate durante un’indagine italiana.

“Coloro che comprano questi pezzi, quelli che li contrabbandano sono colpevoli. Se compri qualcosa che viene rubato ne condividi la responsabilità”, ha detto il ministro degli Esteri messicano Marcelo Efrard a un evento a Roma, dove i funzionari hanno restituito i manufatti.

Secondo il ministero degli Esteri messicano, dal 2013 l’Italia ha rimpatriato in Messico 650 antichità e oggetti religiosi.

“Questa è giustizia, questa è cultura globale, dobbiamo riappropriarci dei beni che appartengono a un paese”, ha affermato il generale italiano Roberto Ricardi, che ha guidato la squadra che ha restituito i manufatti. Detto su Twitter.

A settembre, il Dipartimento di Stato del Messico, con l’aiuto degli investigatori statunitensi, ha recuperato documenti rubati legati al vincitore, Hernான்n Crdoba, a causa dell’asta.

Segnalato da Jake Kincaid; Cynthia Asterman Montaggio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  La polizia italiana ha arrestato un uomo presumibilmente collegato agli attacchi terroristici di Parigi del 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *