Il medico italiano pro-aborto rimanda il pensionamento

Un medico italiano ha rimandato la pensione perché non c’è nessun altro che abortisca nella sua regione.

L’Italia ha legalizzato l’aborto 40 anni fa, ma molti medici che lavorano nel Servizio sanitario nazionale si rifiutano di eseguire la procedura.

In Molise, che ha una popolazione di 300.000 abitanti sulla costa orientale, solo un ginecologo che sostiene l’aborto lavora nel settore pubblico, rendendo difficile per le autorità reclutare persone transgender.

Il dottor Michael Mariano, 69 anni, ha detto Repubblica Il giornale: “Faccio questo lavoro da 40 anni e la mia speranza è che qualcuno si faccia vivo per continuare il mio lavoro”.

Secondo il ministero della Salute, il 70 per cento delle ostetriche degli ospedali pubblici sono cosiddetti “obiettori di coscienza” ed evitano di eseguire aborti per motivi religiosi o morali.

Queste cifre superano l’80 per cento nel nord della Sicilia, in Puglia e Basilicata e nella provincia di lingua tedesca di Polsano, vicino all’Austria.

Riflette l’influenza duratura della Chiesa cattolica nella società italiana.

Ma gli attivisti pro-aborto affermano anche che i medici che si dichiarano “obiettori di coscienza” possono avere maggiori possibilità di ottenere incarichi ospedalieri di alto livello.

Il dottor Mariano ha detto che stava “usando la legge” e che avrebbe posticipato il pensionamento alla fine di quest’anno.

Ha detto che la nomina di un secondo ginecologo come assistente part-time è stato un “piccolo successo”.

Gli agenti del Molise hanno continuato a cercare un sostituto a tempo pieno.

Se uno dei due non viene trovato, le donne devono andare in un’azienda privata o trasferirsi in un’altra regione per essere licenziate.

READ  Calabria-Kalulu, test di personalità. Kalha e Tatarusan saldano le multe

In alcuni casi particolari le donne italiane possono interrompere la gravidanza entro tre mesi e poi essere autorizzate ad abortire in fase. L’aborto è sceso da un picco di 234.000 nel 1982 a circa 76.000 nel 2018, secondo i dati del Ministero della Salute.

Questo problema rimane molto controverso poiché i liberali richiedono restrizioni su leggi libere e gruppi religiosi.

A maggio, un sondaggio dell’Istituto SWG ha rilevato che il 66 percento degli italiani era soddisfatto della legge attuale, rispetto al 42 percento del 2000.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *