Il materiale in schiuma intelligente offre alla mano robotica la capacità di autoripararsi

SINGAPORE (Reuters) – Ricercatori di Singapore hanno sviluppato una schiuma intelligente che consente ai robot di rilevare gli oggetti vicini e di ripararsi se danneggiati, proprio come la pelle umana.

La schiuma legata industrialmente, o AiFoam, è un polimero altamente elastico creato mescolando un fluoropolimero con un composto che riduce la tensione superficiale.

Ciò consente al materiale spugnoso di fondersi facilmente in un unico pezzo quando viene tagliato, secondo i ricercatori della National University of Singapore.

“Esistono molte applicazioni per tali materiali, specialmente nella robotica e nei dispositivi protesici, in cui i robot devono essere molto più intelligenti quando lavorano con gli umani”, ha spiegato il ricercatore capo Benjamin T.

Per replicare il senso del tatto umano, i ricercatori hanno infuso nel materiale microscopiche particelle metalliche e aggiunto minuscoli elettrodi sotto la superficie della schiuma.

Quando viene applicata la pressione, le particelle metalliche all’interno della matrice polimerica si avvicinano, modificando le loro proprietà elettriche. Questi cambiamenti possono essere rilevati da elettrodi collegati a un computer, ha detto T, che poi dice al robot cosa fare.

“Quando muovo il dito vicino al sensore, puoi vedere che il sensore misura i cambiamenti nel campo elettrico e risponde di conseguenza al mio tocco”, ha detto.

Questa funzione consente alla mano robotica di rilevare non solo la quantità di forza applicata ma anche la sua direzione, rendendo i robot più intelligenti e interattivi.

Tee ha affermato che AiFoam è il primo del suo genere a combinare proprietà di autoguarigione, rilevamento di prossimità e pressione. Dopo aver trascorso più di due anni a svilupparlo, lui e il suo team sperano che i materiali saranno in uso pratico entro cinque anni.

READ  Megan MacArthur è pronta a pilotare la stessa nave pilotata da suo marito l'anno scorso

“Potrebbe anche consentire agli utenti protesici di usare più facilmente i loro bracci robotici quando tengono oggetti”, ha affermato.

(Segnalazione di Li Yingshan e Travis Teo) Scritto da Xu Xiao. Montaggio di Karishma Singh e Stephen Coates

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *