Il libro rivela che l’epidemia di AIDS potrebbe aver avuto origine da un soldato nella prima guerra mondiale.

È possibile che l’AIDS abbia fatto Il salto dagli scimpanzé agli umani A causa di un soldato affamato nella prima guerra mondiale costretto a cacciare animali per il cibo, secondo un nuovo libro.

Lo sconosciuto “paziente zero” faceva parte di una forza di invasione di 1.600 soldati belgi e francesi che hanno viaggiato, insieme a 4.000 aiutanti africani, da Leopoldville nel Congo belga a un sito remoto in Camerun, afferma il microbiologo canadese Jacques Pepin, che un tempo lavorava come un medico di arbusti in Africa centrale negli anni ’80.

Pipino, professore presso il Dipartimento di Microbiologia e Malattie Infettive dell’Università di Sherbrooke in Quebec, pone questa interessante ipotesi al centro di una nuova edizione del suo famoso libro,Le origini dell’AIDS. “

È possibile che “Patient Zero” sia stato infettato dopo aver ucciso una sottospecie di scimpanzé – Pan troglodytes troglodytes – infettato da un virus di scimmia che era un precursore dell’HIV, o HIV, il virus che causa l’AIDS, ha scritto Pipino nel volume che ha pubblicato a Cambridge University Press di recente.

Le origini dell'AIDS di Jacques Pippin, Libro della seconda edizione
Le origini dell’AIDS di Jacques Pippin, Libro della seconda edizione

Nell’edizione del 2011 del libro principale, Pipino inizialmente pensava che l’HIV fosse passato dagli scimpanzé all’uomo dopo che un cacciatore africano infetto aveva ucciso un mostro nel 1921, e nel processo era stato infettato. Pippin racconta poi come la diffusione del virus in tutto il mondo sia stata alimentata dal colonialismo, dalla prostituzione e da campagne di salute pubblica “ben intenzionate” che mancano dei protocolli di sicurezza ormai comuni, come il divieto della condivisione degli aghi.

Nella seconda edizione, pubblicata questo mese, Pipino attinge a ricerche negli archivi medici in Africa ed Europa che indicano che il paziente Zero non era un cacciatore locale, ma invece, un soldato affamato nella prima guerra mondiale fu costretto a cacciare gli scimpanzé per ottenere cibo quando il suo reggimento inciampò nei boschi remoti intorno a Mulundo, Camerun e le scorte di cibo finirono.

READ  La reazione della regina Elisabetta alle immagini di Marte scattate dal Rover della NASA

La maggior parte dei libri sull’AIDS è iniziata nel 1981, quando un gruppo di uomini gay negli Stati Uniti iniziò a morire dopo aver contratto una polmonite maligna. Da allora, l’HIV ha continuato a uccidere 33 milioni e infettare quasi 76 milioni di persone in tutto il mondo.

“Qualcuno potrebbe dire che la comprensione del passato è irrilevante”, ha scritto Pipino nella prefazione alla nuova edizione del suo libro. “Abbiamo un obbligo morale nei confronti di milioni di persone che sono morte o moriranno a causa di questa infezione. In secondo luogo, questa tragedia (o anche la sua causa) è stata facilitata da interventi umani: colonialismo, urbanizzazione e possibilmente campagne di salute pubblica ben intenzionate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *