Il gruppo NSO israeliano ha dichiarato che indagherà sui governi che hanno utilizzato lo spyware Pegasus

La società israeliana NSO Group ha dichiarato che indagherà sui suoi clienti di governi stranieri per “violazioni” dello spyware Pegasus dopo che un rapporto di Amnesty International di domenica ha rivelato che è stato utilizzato per prendere di mira circa 50.000 telefoni, compresi quelli di giornalisti, funzionari governativi e membri del famiglia reale araba.

NSO Group vende Pegasus a clienti governativi con lo scopo presunto di indagare su terrorismo e criminalità.

Il rapporto di Amnesty International, insieme a un altro rapporto di un gruppo di media globali, ha affermato che è già stato utilizzato dai governi per spiare giornalisti, funzionari, membri della famiglia reale e individui, inclusa la vedova del giornalista saudita assassinato Jamal Khashoggi .

Tra i giornalisti presi di mira ci sono Ben Hubbard, capo dell’ufficio di Beirut per il New York Times, e Azam Ahmed, capo dell’ufficio del Times Mexico, insieme ad altri giornalisti con sede in India, Marocco, Messico e Azerbaigian.

Altri includono giornalisti che lavorano per Associated Press, Bloomberg, The Wall Street Journal e CNN, ma i nomi di molti non sono stati resi noti. 189 giornalisti sono stati presi di mira.

NSO ha rilasciato una dichiarazione tramite il suo avvocato con sede negli Stati Uniti, Claire Locke, affermando che non aveva nulla a che fare con l’uso improprio di Pegasus.

ha affermato il suo CEO, Shalev Hulio Washington Post: Ogni accusa di abuso del sistema mi riguarda.

L’elenco include alcuni dei 50.000 numeri di telefono colpiti dal malware. Il malware non richiede agli utenti di fare clic su di esso per funzionare

Viola la fiducia che diamo ai clienti. Indaghiamo su ogni accusa… e se la troviamo vera, agiremo con decisione.

Martedì, Amazon Web Services ha disabilitato la sua rete. Non è chiaro se questo significa che può ancora funzionare.

“Quando siamo venuti a conoscenza di questa attività, abbiamo agito rapidamente per chiudere l’infrastruttura e i relativi account”.

Il rapporto AI afferma che NSO è passato a utilizzare CloudFront di Amazon – un CDN – negli “ultimi mesi”.

Amnesty International ha iniziato a indagare sul gruppo nel 2018 dopo aver appreso che uno dei suoi dipendenti era stato preso di mira.

Ha compilato un elenco di 50.000 numeri di telefono che sono stati esposti a malware. Non è chiaro se tutto sia stato hackerato o se i numeri siano solo un elenco di potenziali bersagli.

Un portavoce dell’Associated Press, che ha preso di mira due giornalisti, ha dichiarato a DailyMail.com: “Siamo profondamente preoccupati di apprendere che due giornalisti di AP, insieme a giornalisti di diverse organizzazioni giornalistiche, sono tra coloro che potrebbero essere stati presi di mira dallo spyware Pegasus. Abbiamo preso provvedimenti per garantire la sicurezza delle apparecchiature dei nostri giornalisti e stiamo indagando.

Il New York Times ha dichiarato: Azzam Ahmed e Ben Hubbard sono due giornalisti di talento che hanno svolto un lavoro importante nel rivelare informazioni che i governi non vogliono che i loro cittadini sappiano.

“Il sondaggio dei giornalisti mira a intimidire non solo questi giornalisti ma le loro fonti, il che dovrebbe essere una preoccupazione per tutti”.

Anche Hanan al-Attar, la vedova del giornalista saudita assassinato Jamal Khashoggi, è stata presa di mira, secondo i dati.

Anche Hanan al-Attar, la vedova del giornalista saudita assassinato Jamal Khashoggi, è stata presa di mira, secondo i dati.

Rula Khalaf, direttore del Financial Times, era tra coloro i cui telefoni sono stati presi di mira

Rula Khalaf, direttore del Financial Times, era tra coloro i cui telefoni sono stati presi di mira

In una dichiarazione tramite gli avvocati Claire Locke, NSO ha dichiarato: “NSO non gestisce i sistemi che vende a clienti governativi controllati, né ha accesso ai dati target dei suoi clienti.

NSO non utilizza la propria tecnologia, non raccoglie, non possiede o ha accesso a nessun tipo di dati dei clienti.

Il gruppo NSO afferma di essere in

COSÌ

“A causa di considerazioni contrattuali e di sicurezza nazionale, NSO non può confermare o negare l’identità dei nostri clienti governativi, così come l’identità dei clienti i cui sistemi abbiamo spento”.

Ha anche affermato che il suo programma “non ha nulla a che fare” con l’uccisione di Jamal Khashoggi, nonostante Amnesty International sostenga di avere prove che il telefono della sua vedova è stato hackerato usando Pegasus dopo la sua morte.

“Il gruppo NSO è in missione per salvare vite umane e la società svolgerà tale missione fedelmente e senza controllo, nonostante tutti i continui tentativi di screditarlo su basi false”, ha aggiunto.

I governi stranieri, tra cui India, Ruanda e Marocco, hanno negato di utilizzare software per raccogliere dati sugli obiettivi.

Altri obiettivi includono diversi membri della famiglia reale araba, 65 dirigenti aziendali, 85 attivisti per i diritti umani e 189 giornalisti tra cui “un piccolo numero” di CNN, Associated Press, Voice of America e New York Times. , The Wall Street Journal, Bloomberg News, Le Monde in Francia, il Financial Times a Londra e Al Jazeera in Qatar.

READ  Vladimir Putin si vanta della sua capacità di colpire i nemici con un "colpo inevitabile"

Alcuni dei giornalisti sono l’editore del Financial Times Rula Khalaf, Siddharth Varadarajan e Barangwi Juha Thakurta del sito di notizie indiano Wire Omar Radi, la giornalista freelance marocchina e messicana Cecilia Pineda Berto e la giornalista investigativa azera Khadija Ismayilova.

Nel 2019, è stato riferito che il gruppo NSO ha stipulato un contratto con SKDK, una società di pubbliche relazioni gestita da Anita Dunn, consigliere del presidente Biden.

Non ha risposto immediatamente alle domande di DailyMail.com sulla portata del suo lavoro con l’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *