Il governatore della California Gavin Newsom deve affrontare una campagna “Non posso sopportare questa menzogna” US News

I funzionari delle elezioni statali hanno affermato che il tentativo di richiamare il governatore della California ha raccolto firme valide sufficienti per votare.

La campagna repubblicana per rovesciare il democratico Gavin Newsom potrebbe portare a un voto di sfiducia nella corsa che vedrà tre repubblicani nominarsi per sostituirlo.

Newsom ha detto che il tentativo di richiamo è stato una presa di potere da parte dei repubblicani che hanno poche possibilità di fare progressi in California, dove il partito rappresenta solo circa un quarto dell’elettorato.

La campagna “Stop Dragging Republicans” di Newsom ha detto in un messaggio di testo ai Democratici registrati: “Questo tentativo di recupero è la presa del potere da parte di un partito di estrema destra e uno spreco di denaro.

“Non combatterò questa battaglia stando sdraiato. La posta in gioco è molto alta e ho intenzione di vincere”.

Poco dopo la conferma del conteggio delle firme, l’ex sindaco repubblicano di San Diego Kevin Faulconer ha dichiarato: “I residenti della California di ogni estrazione sociale stanno cogliendo questa storica opportunità per chiedere il cambiamento.

“Essendo l’unico candidato che ha vinto elezioni difficili e ha fatto vere riforme, sono pronto a guidare questo movimento”.

:: Ascolta i paesi divisi Podcast di AppleE il Google PodcastE il SpotifyE il Altoparlante

Newsom, l’ex sindaco di San Francisco, è stato eletto nel 2018 con circa il 62% dei voti e sarà rieletto il prossimo anno.

La campagna contro di lui è iniziata nel febbraio dello scorso anno, guidata dalla California Patriot Alliance.

Ma è stato rafforzato durante la pandemia di coronavirus, con frustrazione per la chiusura delle scuole, il cambiamento delle norme di salute pubblica e il programma di vaccinazione del governo.

READ  Appello della Spagna per regolarizzare lo status di immigrazione per l'uomo che ha salvato due sconosciuti | Spagna

Il processo di richiamo vedrà gli elettori decidere se mettere sotto accusa il sovrano e quindi scegliere un sostituto nella stessa votazione.

I funzionari hanno tempo fino a giovedì per presentare un conteggio finale delle firme valide, quindi gli elettori hanno 30 giorni per rimuovere le loro firme se cambiano idea.

Secondo l’Ufficio del Segretario di Stato, lunedì c’erano 1,6 milioni di firme valide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *