Il giudice della corte Derek Chauvin ha affermato che i commenti “ripugnanti” della deputata statunitense Maxine Waters potrebbero mettere in pericolo la sentenza.

Alla domanda su cosa sarebbe successo se l’ex ufficiale non fosse stato ritenuto colpevole delle accuse di omicidio, ha risposto: “Dobbiamo restare per strada, dobbiamo essere più attivi, dobbiamo combattere di più, dobbiamo assicurarci che sappiano che intendiamo lavorare.”

I conservatori hanno approfittato dei commenti e accusato Waters di Tensioni infiammate mentre Minneapolis cerca di prevenire il ripetersi Saccheggi e distruzioni avvenuti dopo la morte di Mister Floyd lo scorso maggio.

La democrazia californiana è stata a lungo una preoccupazione dei conservatori, attirando l’ira dei repubblicani nel 2018 quando ha chiesto ai suoi sostenitori di affrontare apertamente le figure dell’amministrazione Trump in luoghi pubblici come ristoranti o negozi.

La deputata è stata anche una sostenitrice di lunga data della giustizia razziale ed economica ed è stata una delle principali fautrici della riforma della polizia sulla scia del brutale pestaggio della polizia contro l’attivista Rodney King.

Kevin McCarthy, leader repubblicano alla Camera dei rappresentanti, ha detto che intende presentare una risoluzione alla Camera che incolpa la signora Waters per i suoi “commenti pericolosi”.

Tuttavia, Nancy Pelosi, il presidente democratico della Camera dei rappresentanti, ha detto che i commenti della signora Waters dovrebbero essere visti nel contesto della lunga lotta per i diritti civili.

“Maxine ha parlato del confronto sulla falsariga del Movimento per i diritti civili”, ha detto ai giornalisti in Campidoglio, aggiungendo che non pensava che la deputata dovesse scusarsi.

READ  Ultime notizie sul coronavirus: l'UCL si offre di vaccinare gli studenti con Pfizer jab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *