Il giocatore dell’Inter Hakimi “meritato applausi” ha supervisionato una grande prestazione contro l’Hellas Verona, hanno sostenuto i media italiani.


Achraf Hakimi ha ricevuto consensi da tutti i punti di vista sui giornali di oggi dopo l’ottima prestazione con l’Inter contro l’Hellas Verona.

Il giocatore della nazionale marocchina ha dato un assist decisivo al supereroe Matteo Darmian quando i nerazzurri hanno ottenuto una vittoria per 1-0 su San Siro, avvicinandosi a loro al campionato italiano.

Il Corriere Dello Sport ha detto che Hakimi “merita un applauso” per la sua prestazione offensiva che gli ha fatto torturare Darko Lazovic sulla fascia destra prima che colpisse il palo con un calcio di punizione.

Il 22enne è stato il giocatore più pericoloso dell’Inter secondo la Gazzetta dello Sport, mentre Tuttosport ha detto che la squadra di Conte “ prendeva vita ” ogni volta che Hakimi accelerava.

All’Inter bastano solo cinque punti nelle ultime cinque partite di campionato per vincere lo scudetto per la prima volta dal 2010.

La squadra di Conte potrebbe festeggiare presto domenica, se battesse il Crotone e gli altri risultati andassero alla 34a giornata.

Valutazioni per Gazzetta Dello Sport: Handanovitch 5; Skriniar 6, De Vrij 6,5, Bastoni 6; Hakimi 7 (D’Ambrosio N / A), Barella 5,5, Brozovic 5 (Gagliardini N / A), Eriksen 5,5 (Sensi 6), Perisic 5 (Darmian 7); Lukaku 5,5, Lotaro 6 (Sanchez 6); Conta 6.

Valutazioni per Corriere Dello Sport: Handanovitch 6; Skriniar 6, De Vrij 6,5, Bastoni 6; Hakimi 7 (D’Ambrosio N / A), Barella 6, Brozovic 5,5 (Gagliardini N / A), Eriksen 5,5 (Sensi 6), Perisic 5,5 (Darmian 7); Lukaku 6, Lotaro 6 (Sanchez 6); Il conteggio è 6,5.

Valutazioni per Tuttosport: Handanovitch 5; Scriniar 6.5, De Frig 6.5, Bastogne 7; Hakimi 7 (D’Ambrosio N / A), Barella 5,5, Brozovic 5 (Gagliardini N / A), Eriksen 5,5 (Sensi 6), Perisic 5 (Darmian 7,5); Lukaku 5,5, Lotaro 5,5 (Sanchez 6); Il conteggio è 6,5.

READ  Referees admitted that dismissing Draymond Green was a "mistake," says Steve Kerr


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *