Il Giappone testa per la prima volta nello spazio un motore a detonazione rotante

La Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) ha annunciato di aver dimostrato con successo il funzionamento di un “motore a detonazione rotante” per la prima volta nello spazio. La novità delle tecnologie coinvolte è che questi sistemi ottengono una grande spinta utilizzando molto meno carburante rispetto ai sistemi convenzionali motori a razzo, che è molto utile per esplorazione dello spazio.

Il 27 luglio, l’agenzia giapponese ha rilasciato un paio di futuri sistemi di pagamento Nello spazio per le prime prove. È stato lanciato dall’Oceanora Space Center a bordo dell’S-520-31, un razzo monostadio in grado di sollevare un carico utile di 220 libbre (100 kg) ben al di sopra di 186 miglia (300 km). Dopo aver recuperato il missile dall’oceano, il team di ingegneri della JAXA ha analizzato i dati e ha confermato il successo della missione che ha portato il nuovo sistema a un’altitudine stimata di (146 miglia) 234,9 km.

Un motore a detonazione rotante utilizza una serie di esplosioni controllate che viaggiano intorno a un canale anulare in un ciclo continuo. Questo processo genera una grande quantità di spinta ultra efficiente che proviene da un motore molto più piccolo che utilizza molto meno carburante, il che significa anche che viene inviato meno peso durante il lancio nello spazio. Secondo JAXA, potrebbe potenzialmente cambiare le regole del gioco esplorazione dello spazio profondo.

Il missile ha iniziato le prove sperimentali dopo la separazione del primo stadio, durante il quale il motore a detonazione rotante ha bruciato per sei secondi, mentre il secondo motore a detonazione a impulsi ha funzionato per due secondi in tre occasioni. Un motore a impulsi utilizza onde di detonazione per bruciare la miscela di carburante e ossidante.

READ  Why was Stonehenge built? | Living Sciences

Quando il razzo è stato trovato dopo lo spettacolo, si è scoperto che il motore rotativo produceva circa 500 newton di spinta, che è una frazione di ciò che i motori a razzo convenzionali possono ottenere nello spazio.

Secondo gli ingegneri JAXAIl successo dei test nello spazio ha notevolmente aumentato il potenziale del motore di detonazione per le applicazioni pratiche, compresi i motori a razzo per l’esplorazione dello spazio profondo, il primo stadio, i motori a due stadi e altro ancora. I motori possono infatti permetterci di viaggiare nelle profondità dello spazio utilizzando una frazione di carburante e peso, che è fondamentale per i voli interplanetari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *