Il Giappone ha spiegato la settimana lavorativa di quattro giorni

Nella sua guida economica annuale, il governo giapponese ha annunciato i suoi piani per sollecitare i datori di lavoro a farlo Iniziare una settimana lavorativa di quattro giorni أسبوع Invece dell’attuale settimana lavorativa di cinque giorni. Queste linee guida sono state finalizzate la scorsa settimana dal primo ministro giapponese Yoshihide Suga e mirano a raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata, in particolare per le persone che devono prendersi cura delle proprie famiglie o vogliono acquisire nuove competenze.

Allora qual è la politica?

Il Mainichi ha riferito che la politica è stata attuata tenendo presente la carenza di manodopera nel paese. L’idea è quella di migliorare la produttività dei dipendenti, ma alcuni datori di lavoro sono scettici sul fatto che la produttività sarà aumentata abbastanza da recuperare la giornata lavorativa persa, ha affermato Mainichi. D’altra parte, i dipendenti temono che i loro salari vengano tagliati perché lavoreranno meno giorni.

“Tra i benefici attesi c’è l’aiutare le persone con responsabilità di assistenza familiare a evitare la necessità di lasciare il lavoro, promuovere la ripetizione dell’istruzione e aiutare più persone a svolgere lavori secondari”, afferma il rapporto.

I lavoratori giapponesi sono noti per il superlavoro, infatti, la parola “karoshi” che significa morte per superlavoro è stata inventata nel paese negli anni ’70 per riferirsi alle morti per stress e altri stress correlati, secondo un rapporto della BBC.

le notizie | Clicca per ottenere la migliore spiegazione della giornata nella tua casella di posta

Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), a partire dal 2020, il lavoratore medio in Giappone lavora circa 1.598 ore all’anno, che è meno dei lavoratori negli Stati Uniti che lavorano 1.677 ore all’anno, ma più di lavoratori in Germania, Regno Unito e Francia e Italia con rispettivamente 1332, 1367, 1402 e 1559 ore di lavoro all’anno in ciascuno di questi paesi.

READ  All'interno della nuova caffetteria porta il vero gusto italiano al Museo di Sunderland e ai Giardini d'Inverno

Le persone che indossano maschere protettive per aiutare a ridurre la diffusione del coronavirus camminano lungo un passaggio pedonale a Tokyo. (AFP)

Inoltre, al primo trimestre del 2021, il tasso di occupazione della popolazione in età lavorativa in Giappone era del 77,6 per cento, superiore a quello di Italia, Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia e Canada ma inferiore a quello di tassi di occupazione di Svizzera e Paesi Bassi.

Altri paesi hanno sperimentato la settimana lavorativa di quattro giorni?

Il concetto di una settimana lavorativa di quattro giorni ha guadagnato terreno a causa della pandemia di coronavirus, poiché milioni di persone sono state confinate nelle loro case per mesi e, di conseguenza, hanno trascorso più tempo con le loro famiglie. Ciò ha sollevato interrogativi su come sarà la cultura del lavoro dopo la pandemia. Alcune aziende, tra cui Microsoft, Twitter e Facebook, hanno annunciato all’inizio della pandemia che avrebbero dato ai propri dipendenti la possibilità di lavorare da casa in modo permanente.

Nel dicembre dello scorso anno, Unilever New Zealand ha lanciato una sperimentazione di un anno in cui avrebbe consentito a 81 dei suoi dipendenti di lavorare quattro giorni liberi dalla settimana lavorativa allo stesso stipendio per vedere se avrebbe avuto un impatto significativo sulla loro produttività e sull’equilibrio tra lavoro e vita privata . Il primo ministro del paese Jacinda Ardern ha approvato l’idea nel maggio 2020 come un modo per rilanciare l’economia del paese.

Oltre alle aziende, alcuni paesi hanno anche provato a sperimentare orari di lavoro più flessibili. La Spagna, ad esempio, ha annunciato all’inizio di quest’anno che avrebbe testato quattro giorni lavorativi alla settimana. A marzo, il Guardian ha riferito che il governo spagnolo aveva approvato una proposta avanzata da un piccolo partito di sinistra chiamato Mas Pais. L’idea è di iniziare una settimana lavorativa di 32 ore nel tentativo di aumentare la produttività, la salute mentale e l’equilibrio generale tra lavoro e vita privata per i dipendenti. Il rapporto del Guardian afferma che per attuare ciò, Más País ha proposto un progetto che costerebbe 50 milioni di euro e consentirebbe alle aziende di avviare settimane lavorative di quattro giorni con il minimo rischio.

READ  Economia circolare: un'opportunità per israeliani e palestinesi - Opinione

Qual è il posto dell’India in questo dibattito?

Iniziare una settimana lavorativa di quattro giorni in un paese come l’India deve affrontare una sfida unica. Ad esempio, la maggior parte della forza lavoro indiana è impiegata nel settore non organizzato, il che significa che questi lavoratori non hanno orari e termini di lavoro fissi o ferie retribuite.

Nel 2017, la percentuale di lavoratori nel settore formale, ovvero lavoratori con date fisse, contratti di lavoro, permessi retribuiti e altri benefici, rappresentava solo il 14% circa di tutte le persone occupate nel paese. Ciò significa che oltre l’80% della forza lavoro indiana è impegnata in lavori informali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *