Il Giappone festeggia i 10 anni da quando un triplo disastro ha ucciso 18.500 persone | Disastro in Giappone

Il Giappone festeggia i 10 anni dal peggior disastro naturale nella memoria vivente della nazione: un potente terremoto, uno tsunami mortale e Fusione del nocciolo del reattore nucleare Questo ha scioccato la nazione.

Circa 18.500 persone sono state uccise o lasciate disperse nel disastro verificatosi l’11 marzo 2011, la maggior parte di loro sostenendo che le onde imponenti hanno inghiottito le fasce della costa nord-orientale dopo uno dei più forti terremoti mai registrati.

Il conseguente disastro nucleare presso la centrale nucleare di Fukushima Daiichi ha coperto le aree limitrofe con radiazioni, rendendo alcune città inabitabili per anni e sfollando decine di migliaia di residenti.

La giornata sarà ricca di celebrazioni pubbliche e private, con un minuto di silenzio a livello nazionale alle 14.46 locali, il momento esatto in cui un terremoto di magnitudo 9.0 ha colpito il disastro.

Mercoledì e giovedì sono state condotte ricerche sui dispersi nei distretti di Miyagi e Fukushima, poiché i loro cari si rifiutano di rinunciare alla speranza di ritrovarli anche dopo un decennio.

Le possibilità di successo possono sembrare scarse, ma solo la scorsa settimana sono stati i resti di una donna persi dallo tsunami È stato determinato, In quello che il figlio sopravvissuto l’ha descritta come un’opportunità per elaborare i suoi sentimenti e andare avanti.

A Tokyo si terrà al Teatro Nazionale una piccola cerimonia per osservare le regole del virus, con i discorsi dell’Imperatore Naruhito e del Primo Ministro Yoshihide Suga.

Tokyo e le aree circostanti sono in stato di emergenza virale, quindi il pubblico invitato all’evento sarà più piccolo del solito.

Il virus influenzerà anche eventi altrove, incluso il raduno annuale di preghiera che si terrà sopra le maestose pareti del mare a Taro, Iwate. I partecipanti di solito si tengono per mano mentre pregano per coloro che sono stati persi nello tsunami, ma quest’anno noteranno l’allontanamento sociale mentre ricordano i morti.

READ  Una coppia litiga nel momento in cui cade a 25 piedi dal balcone e sopravvive a un annegamento che sfida la morte!

L’anniversario viene celebrato appena due settimane prima del lancio della staffetta della torcia olimpica nella prefettura di Fukushima, riferendosi agli sforzi per descrivere l’evento come i “giochi di ricostruzione”.

La pandemia ha gettato un’ombra sulle Olimpiadi, costringendole a rinviarle per un anno senza precedenti, ma il governo e gli organizzatori sperano che la staffetta riporti i riflettori sulla regione.

Nayuta Ganbe nella città di Sendai, Miyagi, parla regolarmente a eventi sulla prevenzione dei disastri e condivide la sua esperienza con uno tsunami, ma di solito celebra l’anniversario.

“Non ho mai voluto pensare al disastro, non l’11 marzo”, ha detto recentemente la 21enne all’AFP.

“È il giorno in cui ho perso i miei compagni di classe. Le persone sono morte davanti ai miei occhi. L’11 marzo è il giorno in cui speravo non tornasse più, quindi provo sempre dolore quando arriva l’11 marzo di ogni anno”, ha detto.

Ma quest’anno ha deciso di partecipare a un evento in occasione del suo anniversario, sperando che lo avrebbe aiutato nel lavoro in corso per affrontare il trauma che ha subito.

“Spero di essere in grado di affrontare il disastro con una nuova prospettiva esattamente 10 anni dopo”.

Per molti, l’anniversario sarà un momento di riflessione privata su una tragedia che continua a riverberarsi, con decine di migliaia di sfollati temuti dalle radiazioni ancora sfollati e quasi il 2% di Fukushima ancora fuorilegge.

Il pastore Akira Sato, che ha servito nelle numerose chiese ancora nelle aree riservate intorno allo stabilimento di Fukushima, ha in programma di visitare una delle chiese abbandonate e contemplare.

“Penserò in silenzio con mia moglie nei giorni del disastro e pregherò”, ha detto ad AFP all’inizio di questo mese.

READ  La condanna di Derek Chauvin non è motivo di celebrazione, afferma il procuratore capo del caso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *