Il fiore comune è la prima pianta carnivora in 20 anni

C’è un nuovo fiore carnivoro nel regno vegetale.

Il cutie carnivoro è il primo del suo genere ad essere identificato 20 anni fa, sebbene il fiore bianco sia diffuso in tutto il Pacifico nord-occidentale.

Sean Graham, botanico dell’Università della British Columbia, Dillo a NPRNon avevamo idea che fosse un carnivoro.

Il fiore, chiamato il falso pavone occidentale, è stato documentato per la prima volta nel 1879, ma gli scienziati non avevano idea che la pianta consumasse carne fino ad ora.

“Questo non si trova in qualche località tropicale esotica, ma davvero alle nostre porte a Vancouver”, ha aggiunto Graham. “Puoi letteralmente uscire da Vancouver in questa posizione sul campo.”

I ricercatori stavano lavorando a uno studio non correlato quando hanno notato soffocamento, Triantha occidentale, ha mostrato una delezione genetica osservata in altre piante carnivore. Gli scienziati notano anche che il fiore ha caratteristiche che possono essere utilizzate per intrappolare il cibo.

ha spiegato Graham, il cui studio sulla fragilità occidentale bianca è stato pubblicato lunedì Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze. “Quindi, sai, era come, OK, mi chiedo se questo potrebbe essere un segno che questo potrebbe essere un carnivoro.”

"Sospetto che ci possano essere più piante carnivore di quanto pensiamo," ha detto Sean Graham.
“Sospetto che ci possano essere più piante carnivore di quanto pensiamo”, ha detto il botanico Sean Graham.
Qianshi Lin

Ci sono meno di 1.000 specie conosciute di piante carnivore, che compaiono spesso in climi soleggiati e umidi, con suoli scarsi di sostanze nutritive – da qui la loro evoluzione verso i carnivori.

Per dimostrare che i fiori ricevevano nutrienti dagli insetti, i ricercatori hanno monitorato Triantha L’assorbimento da parte della pianta degli isotopi dell’azoto-15 è iniziato nei moscerini della frutta di laboratorio, che gli scienziati hanno posizionato sullo stelo appiccicoso della pianta.

READ  La conduttrice del notiziario di Atlanta Jovita Moore rivela la sua diagnosi di cancro al cervello

I risultati hanno mostrato che metà della composizione di azoto nella pianta dopo l’alimentazione proveniva dalle mosche.

Hanno anche scoperto che minuscoli peli sullo stelo producono un enzima digestivo che si trova in altre piante carnivore. È il primo esempio conosciuto di una tale pianta che usa il suo stelo per cacciare e consumare insetti.

Graham ha detto: “Sospetto che ci possano essere più piante carnivore di quanto pensiamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *