Il DJ italiano spiega la conversazione “cool” con Conor McGregor prima della presunta aggressione

Il DJ italiano Francesco Facchinetti si sentiva come se fosse “dal vivo in un film” prima di essere presumibilmente aggredito dalla star dell’UFC Conor McGregor.

La coppia ha trascorso più di due ore insieme a una festa a Roma sabato sera, parlando di tutto, dalla carriera dell’irlandese al nuovo yacht di lusso da 3 milioni di euro della Lamborghini.

Si sono persino scambiati i numeri di telefono prima che Dublin prendesse a pugni il musicista, lasciandolo con il naso rotto e il labbro screpolato, Rapporti specchio del Regno Unito.

Il signor Facinte si è rivolto ai social media per fare le sue affermazioni durante il fine settimana e ora si è espansa nel periodo precedente al presunto incidente al lussuoso hotel a cinque stelle St Regis.

“Volevo solo chiarire che ero – o in realtà ero a questo punto – un grande fan di McGregor, quindi quando mi è stato detto che potevo andare a vederlo, ho pensato che sarebbe stato bello stare con lui e per due e mezz’ora mi sembrava di essere in un film.”

DJ Francesco Faccinti

“Poter parlare con McGregor… mia moglie brasiliana ha parlato con lui, hanno parlato del Brasile, abbiamo parlato di Jose Aldo e ci ha detto che doveva combattere in Brasile, ma poi ha perso contro Khabib [Nurmagomedov] Non c’è più.

“Ci ha detto tante cose meravigliose, è stato gentile, abbiamo parlato di Roma, del Colosseo… Gli ho detto che doveva andare a Paestum, Pompei, e poi mi ha detto che sarebbe andato a prendere la sua barca dalla Lamborghini. Era una bella conversazione.

“Allora… le mie parole sono ovviamente una copia, e poi dobbiamo anche ascoltare il suo resoconto se vuole, ma avevo con me circa 10 testimoni, di cui quattro italiani”.

READ  Bills incontra DT Eli Ankou

Il Specchio giornaliero Contatta un rappresentante di Conor McGregor e della polizia di Roma per un commento.

“Daremo alla polizia il nostro pieno sostegno nelle loro indagini”, ha detto un portavoce dell’hotel in una nota.

“La sicurezza e la protezione dei nostri ospiti e dipendenti è sempre la nostra massima priorità”.

Il signor Fachinte ha continuato: “Improvvisamente, davanti alle sue guardie del corpo che erano con me, e davanti alle sue guardie del corpo che nel frattempo erano diventate mie amiche (ci siamo anche scambiati i numeri di telefono con le sue guardie del corpo e amici irlandesi), il suo cervello si è spento, ha visto i leoni e mi ha preso a pugni.

“Quindi non mi ha schiaffeggiato, mi ha preso a pugni. Per fortuna era molto vicino a me, circa 20-30 cm, con la mano destra, quindi non era una brutta mano sinistra, mi ha colpito proprio qui [points to upper lip and his nose] Quindi non ha colpito la mia mascella o gli zigomi, ma ha colpito quella parte… Puoi vedere qui, il labbro e il naso sono un po’ gonfi.

“Non sono caduto, non sono sicuro che grazie a qualche strano miracolo del mondo sono riuscito a rimanere in piedi”.

McGregor è nella capitale italiana per il battesimo di suo figlio Ryan ed è stato fotografato mentre si divertiva con la sua famiglia allargata dopo aver noleggiato un aereo per portarli dall’Irlanda.

Conor McGregor e de Devlin all’interno della Cappella Sistina

La sua presunta vittima ha concluso il suo video ammettendo il suo dolore per gli eventi del fine settimana.

READ  Parliamo delle migliori - e più recenti - collezioni di fantascienza e fantasy

“Sono davvero triste per questa cosa, primo perché mi ha davvero infastidito a livello umano, è stato brutto. Secondo, perché sono un fan delle arti marziali miste e, come ho detto prima, un fan di McGregor, perché ha fatto tanto per questo sport quindi sono davvero dispiaciuto per quanto accaduto”.

“Terzo, perché sto cercando di investire nel mondo delle MMA in Italia, lavoro con molti combattenti non solo nel mondo delle MMA ma anche nel pugilato, quindi mi dà fastidio che in qualche modo il mondo dei combattimenti possa essere collegato al mondo dei bulli.

“Quindi sono molto, molto, molto dispiaciuto, ma posso assicurarti che è stata una brutta cosa, ed è stata una brutta cosa per me e per le persone che erano accanto a me”.

Ricevi gli ultimi titoli sportivi direttamente nella tua casella di posta iscrivendoti ai nostri avvisi e-mail gratuiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *