Il direttore finanziario della Trump Organization Alan Weiselberg si dichiara non colpevole di 15 accuse penali, tra cui il furto aggravato in uno schema di evasione fiscale

Il direttore finanziario della Trump Organization si è dichiarato non colpevole dopo essere stato accusato di 15 accuse penali e di aver intrapreso un piano fiscale di 15 anni e di aver trattenuto circa 1,7 milioni di dollari di entrate dalle autorità fiscali.

Le accuse includono furto aggravato e derivano da quello che un funzionario dell’ufficio del procuratore generale di Manhattan ha descritto come uno “schema di frode fiscale di 15 anni” che coinvolge “la maggior parte dei massimi dirigenti” della Trump Organization.

“Oggi è una pietra miliare significativa nelle indagini penali in corso sulla Trump Organization e sul suo chief financial officer, Allen Weisselberg. Nell’atto d’accusa, accusiamo, tra le altre cose, di illeciti finanziari in cui la Trump Organization si è impegnata in uno schema con il signor Weisselberg per evitare di pagare il procuratore generale dello Stato di New York Letitia ha detto che James, in una dichiarazione giovedì dopo la presentazione dell’atto d’accusa, ha affermato che questa indagine continuerà e che seguiremo i fatti e la legge ovunque conducano.

Anche l’omonima società dell’ex presidente Donald Trump è stata colpita da una serie di accuse, tra cui frode fiscale, e si è dichiarata non colpevole.

Gli avvocati di Weisselberg e la Trump Organization hanno parlato in una conferenza stampa dopo un’udienza in tribunale giovedì, in cui affermano che i loro clienti sono stati vittime di un aperto attacco politico.

“L’IRS non ha mai intentato un caso come questo”, ha affermato Alan Wouterfas, l’avvocato di Weissberg, aggiungendo che la questione avrebbe dovuto essere trattata in un tribunale civile. Penso che sia un precedente inappropriato. Penso che l’ufficio lo sappia”.

READ  Il dramma del Canale di Suez e un piccolo bulldozer ispirano un'ondata di memi | Egitto

Aggiungendo che non credeva che un procedimento penale sarebbe stato avviato contro il signor Weisselberg se il nome della società non fosse stato portato dal cognome dell’ex presidente, il signor Wouterfas ha aggiunto che l’atmosfera politica tesa di oggi è stata “guidata dagli eventi di oggi”.

“Data la natura senza precedenti di queste accuse… questa è la ragione per cui sono state mosse”, ha detto.

L’avvocato della Trump Organization Susan Khalada ha aggiunto che il procuratore generale dello Stato di New York Letitia James ha costantemente utilizzato il sistema legale per colpire Trump e che le accuse emesse oggi sono il risultato di tali sforzi.

Carrie Dunn, il procuratore generale di Manhattan, Sy Vance, ha confutato queste accuse, dicendo:[p]I politici non hanno alcun ruolo nella giuria e posso assicurarvi che non hanno alcun ruolo qui”.

Weiselberg è l’ultimo di una lunga serie di collaboratori di Trump che sono stati oggetto di procedimenti penali negli ultimi anni. Ha graziato i suoi vecchi consiglieri Steve Bannon, Roger Stone e Paul Manafort negli ultimi giorni della sua presidenza per una serie di condanne penali portate dai tre uomini.

In una dichiarazione che risponde alle accuse giovedì, Trump ha affermato che una “caccia alle streghe politica” contro di lui e i suoi sostenitori continua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *