Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti afferma che una bottiglia di whisky da $ 5,800 data a Pompeo è scomparsa Mike Pompeo

Il Dipartimento di Stato ha affermato che stava indagando sull’apparente scomparsa di una bottiglia di whisky da $ 6.000 che è stata presentata più di due anni fa all’allora Segretario di Stato. Mike Pompeo dal governo del Giappone.

In un avviso depositato presso il Registro federale, il dipartimento ha affermato di non aver trovato traccia di dove fosse la bottiglia e che c’è una “indagine in corso” su ciò che è accaduto al vino. Il dipartimento ha riportato un’indagine sul proprio conto annuale dei doni dati da governi e leader stranieri ad alti funzionari statunitensi.

L’Ufficio del Protocollo del dipartimento è tenuto a registrare i doni dati ai funzionari statunitensi e a tenere traccia delle loro azioni. I destinatari hanno la possibilità di consegnare doni di un certo valore all’Archivio Nazionale o ad altro ente governativo o acquistarli per uso personale rimborsando all’erario per il loro valore.

Il whisky giapponese è stato valutato 5.800 dollari ed è stato presentato a Pompeo nel giugno 2019, molto probabilmente quando ha visitato il paese quel mese per il vertice del G-20 a cui ha partecipato anche il presidente Donald Trump. Ma a differenza di altri regali, la direzione ha affermato che non c’è traccia di cosa sia successo alla bottiglia.

“Il dipartimento sta studiando la questione e ha un’indagine in corso”, si legge nell’avviso del Federal Register. L’avviso non ha fornito ulteriori dettagli. Non è stato possibile raggiungere immediatamente un portavoce di Pompeo per un commento.

La questione del whisky è apparsa nel resoconto annuale del Dipartimento di Stato sui doni dati da governi e leader stranieri ad alti funzionari americani.

READ  Afghanistan: il dito della colpa nella crisi dei talebani può essere puntato in molte direzioni | notizie dal mondo

Pompeo ha anche riferito di aver ricevuto due tappeti, per un valore totale di 19.400 dollari, dal presidente del Kazakistan e dal ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti. L’avviso indicava che le pavimentazioni erano state trasferite al Dipartimento dei Servizi Generali.

Il documento afferma che Trump e sua moglie Melania hanno ricevuto più di $ 120.000 in regali da leader stranieri nel 2019, rispetto agli $ 88.200 dell’anno precedente. Nel primo anno in carica di Trump, nel 2017, hanno riferito di aver ricevuto più di $ 140.000 in regali.

Almeno tre leader stranieri – provenienti da Australia, Egitto e Vietnam – hanno fornito a Trump foto o selfie di se stesso che sono valutati collettivamente più di $ 10.000.

Trump ha ricevuto un dipinto di se stesso su “vetro a doppia lastra” dall’allora presidente vietnamita Nguyen Phu Trong e valutato a circa $ 5.250, secondo il deposito. Dice anche che Trump ha ricevuto una “grande cornice in pietra nera doppia scolpita con il ritratto del presidente Donald J. Trump in metallo prezioso su un lato e lo stemma dell’Egitto sul retro” del valore di $ 4.450 dal presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi. Il primo ministro australiano Scott Morrison ha regalato a Trump una foto incorniciata di lui e sua moglie del valore di 470 dollari.

Altri regali più costosi ricevuti da Trump includevano un fucile dell’Impero ottomano da $ 8.500 dal primo ministro della Bulgaria, una scultura in bronzo di cavalli arabi da $ 7.200 del principe ereditario del Bahrain e una statua in oro, onice, smeraldo e diamanti di un orice arabo. Vale $ 6.300 dall’emiro del Qatar.

Secondo il rapporto, tutti quei doni, comprese foto e immagini, sono stati consegnati agli Archivi Nazionali.

READ  La Siria afferma che gli attacchi aerei israeliani hanno preso di mira Damasco | Notizie dal Medio Oriente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *