Il deficit dell’Italia potrebbe avvicinarsi al 10% nel secondo anno di crisi

Fotografo: Alicia Perdominico / Bloomberg

È probabile che il disavanzo di bilancio dell’Italia si avvicini al 10% del PIL per il secondo anno, poiché i blocchi successivi costringono il paese ad aumentare la spesa, secondo le persone che hanno familiarità con la questione.

Tale previsione potrebbe apparire nei nuovi obiettivi fiscali del Primo Ministro Mario Draghi a metà aprile, che includeranno anche un aumento del pedaggio del debito per il 2021, suggerendo Dalla direzione 159% della produzione, la gente ha detto chi Ha rifiutato di rivelare la sua identità Discutere le aspettative del governo non annunciate. I numeri non sono definitivi e possono cambiare prima della divulgazione.

Entrambi questi numeri sono notevolmente più alti di quanto non siano Precedenti proiezioni emesse a ottobre sotto l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che riflettevano il perdurare della crisi da allora. All’epoca, i funzionari si aspettavano un deficit del 7% quest’anno, con un rapporto debito / PIL che si avvicinava al 156%.

Le proiezioni mostreranno anche che l’economia sta crescendo solo del 4,1% quest’anno, rispetto a una precedente previsione di espansione del 6%, quindi del 4,3% nel 2022, secondo Reuters. menzionato All’inizio della giornata.

Un portavoce del ministero delle Finanze ha rifiutato di commentare.

Draghi ha formato un governo di unità nazionale a febbraio nel tentativo di stabilizzare l’economia del paese. L’Italia è stata tra i paesi più colpiti dall’epidemia, con oltre 100.000 morti finora e un calo del PIL di quasi il 9% lo scorso anno.

Il governo ha speso più di 130 miliardi di euro (153 miliardi di dollari) per le misure di stimolo e richiederà presto l’approvazione parlamentare per aumentare ulteriormente il deficit quest’anno. La lenta introduzione del vaccino e il blocco in corso hanno gonfiato i costi di chiusura mensili Tra 10 e 15 miliardi di euro al mese.

READ  Il primo ministro italiano Mario Draghi ha detto che l'Unione europea dovrebbe allentare le regole fiscali per consentire maggiori stimoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *