Il Consorzio del Parmigiano Reggiano collabora con altri sulla tecnologia di tracciamento digitale

Nota del redattore: leggi il nostro 2020 una storia Chipotle’s si sta riprendendo da un’epidemia di malattia di origine alimentare che è stata ampiamente pubblicizzata nei suoi ristoranti.

Newport Beach, California – Chipotle alla griglia messicana Ha annunciato che sta testando la tecnologia di identificazione a radiofrequenza (RFID) per migliorare la tracciabilità e i sistemi di inventario nel suo centro di distribuzione a Chicago e in circa 200 ristoranti nell’area metropolitana di Chicago. Chipotle è una delle prime grandi aziende di ristoranti a utilizzare le etichette delle scatole RFID per tracciare gli ingredienti dai fornitori ai ristoranti attraverso una sequenza.

“Le etichette RFID trasformano la gestione dell’inventario in una funzionalità digitale automatizzata che migliora le operazioni dei ristoranti e offre ai nostri centri di assistenza per ristoranti l’accesso ai dati di inventario in tempo reale”, ha affermato Scott Potright, Chief Restaurant Officer. “Questa tecnologia integrata migliora l’esperienza dei nostri dipendenti nei ristoranti partecipanti, beneficiando anche dei nostri partner di fornitura”.

Chipotle ha affermato di aver acquistato più di 35 milioni di sterline di prodotti coltivati ​​localmente nel 2021 e di aver speso più di 400 milioni di dollari in premi alimentari negli ultimi due anni per procurarsi ingredienti responsabili e di provenienza umana. Il marchio offre maggiore trasparenza sull’approvvigionamento diretto dei suoi ingredienti. L’azienda ha lavorato a stretto contatto con il laboratorio RFID della Auburn University per migliorare il progetto pilota, che è in fase di test su carne, latticini e avocado di cinque fornitori di chipotle. I componenti del test arrivano ai ristoranti Chipotle apposti con etichette per custodie dotate di RFID e scansionati da lettori RFID, che completano gli scanner dei ristoranti esistenti, richiedendo un investimento aggiuntivo minimo. Il sistema di tracciabilità basato sulla tecnologia è stato progettato per consentire all’azienda di agire in materia di sicurezza alimentare e problemi di qualità in modo rapido, efficiente e accurato, ha affermato.

READ  "Il deficit di bilancio aumenterà ulteriormente?": Il premier Draghi su un piano per rilanciare l'economia

I fornitori partecipanti hanno investito nella tecnologia RFID utilizzando le specifiche Chipotle, che dovrebbe far risparmiare tempo ai fornitori nella gestione dell’inventario e nella rotazione delle scorte, mitigando l’errore umano e aumentando la visibilità e la responsabilità della data di scadenza. Chipotle ha invitato i principali partner di fornitura a partecipare ai test e ha fornito ai partner prove RFID con le migliori pratiche e i vantaggi del programma. Il marchio sfrutta il processo di stage gate per testare, ascoltare e imparare da dipendenti e fornitori prima di decidere se distribuire etichette RFID a livello di sistema.

“Sviluppiamo il nostro software RFID da due anni e consideriamo questa innovazione come la prossima evoluzione nella tracciabilità e nella sicurezza alimentare”, ha affermato Laurie Shallow, Chief Corporate Affairs and Food Safety Officer. “Siamo entusiasti di testare questa innovazione sul campo con i nostri fornitori e ristoranti per promuovere il nostro solido programma di monitoraggio”.

Chipotle ha collaborato con partner RFID leader del settore, tra cui il fornitore di software RFID Mojix, la scienza dei materiali, l’innovatore RFID Avery Dennison, il fornitore di lettori RFID e soluzioni di crittografia Zebra Technologies.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *