Il computer principale di Hubble è offline e la NASA sta cercando disperatamente di ripararlo

Il telescopio spaziale Hubble è attualmente offline.

Domenica 13 giugno, il computer del payload del telescopio si è spento e gli ingegneri qui sulla Terra stanno attualmente eseguendo operazioni per ripristinarlo e farlo funzionare di nuovo.

Un computer utile, come ci si potrebbe aspettare, è vitale per le operazioni scientifiche in corso di Hubble. È il “cervello” della macchina, che coordina e controlla i vari strumenti di cui Hubble è dotato. Inoltre controlla il telescopio per i problemi.

Inizialmente, gli ingegneri della NASA hanno ipotizzato che la causa del tempo di inattività fosse un modulo di memoria danneggiato. Un tentativo di riavviare il computer non è riuscito, quindi mercoledì 16 giugno il team operativo di Hubble ha tentato di passare a un modulo di memoria di riserva.

Anche questo si è rivelato inutile.

“Il comando per avviare l’unità di backup non è stato completato”, La NASA ha spiegato in un post sul blog.

“Un altro tentativo è stato fatto sui due moduli giovedì notte per ottenere maggiori informazioni diagnostiche durante il tentativo di riportare online questi moduli di memoria. Tuttavia, quei tentativi non hanno avuto successo”.

Non è del tutto inaspettato che Hubble abbia dei dolori e dei dolori. Il telescopio spaziale, lanciato nel 1990, è in funzione da più di 30 anni a questo punto e sta subendo diverse estensioni di missione. La sua più recente (e ultima) missione di servizio si è svolta nel 2009, ed è solo questione di tempo prima che qualcosa si riprenda irreparabilmente.

Nel 2018, Hubble ha subito un guasto al giroscopio. In quel caso, gli ingegneri sono stati in grado di risolvere sostanzialmente il problema dando una scossa spaziale al telescopio. All’inizio di quest’anno, il telescopio ha dovuto essere messo in modalità provvisoria dopo un Errore di programma.

READ  Il West Virginia sta scambiando Trump per lavoratori tecnologici

Quando si progetta uno strumento come Hubble, da utilizzare in remoto e di difficile accesso fisico, la sicurezza a prova di guasto è fondamentale.

Pertanto, anche in questo caso, la situazione non è persa. Il computer del carico utile (un computer spaziale NASA standard o NSSC-1) ha quattro moduli di memoria a 64 bit per l’utilizzo. Usane solo uno alla volta; Gli altri tre sono backup. Inoltre, a bordo è presente un secondo computer di backup che può essere utilizzato in caso di problemi gravi.

“Il team operativo eseguirà i test e raccoglierà ulteriori informazioni sul sistema per isolare ulteriormente il problema”, Scritto da NASA. “Gli strumenti scientifici rimarranno in uno stato sicuro fino a quando il problema non sarà risolto. Il telescopio stesso e gli strumenti scientifici rimarranno in buona salute”.

Quindi è molto probabile che Hubble sopravviva, continuando a teletrasportarci tra le stelle. Non per sempre Alla fine, le sue parti si consumeranno, o la sua orbita decadrà, e gli ingegneri dovranno portarlo a casa, verso una morte gloriosa che brucerà al suo rientro.

Ma non esiste una data fissa per la fine della missione di Hubble e speriamo di godere dei suoi contributi alla scienza almeno per qualche altro anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *