Il comportamento dei molluschi atterra il tribunale del supermercato italiano sul dipendente licenziato

Un tribunale italiano ha stabilito che un dipendente di un supermercato italiano che è stato licenziato per aver dato due gamberetti meno di 20 centesimi a un cliente dovrebbe essere riassunto.

Il tribunale ha ordinato al supermercato di Firenze non solo di riportare la giovane al suo lavoro al banco del pesce del supermercato, ma anche di pagare il suo stipendio di un anno a titolo di risarcimento e tutte le sue spese legali.

La giovane donna, una madre single con due bambini piccoli, è stata licenziata per aver presumibilmente dato due gamberetti del valore di 21 centesimi di euro (18b) a un cliente abituale.

Ha detto che aveva bisogno di una piccola quantità di gamberetti per vedere se il gambero aveva causato una reazione allergica – non era chiaro a se stesso oa nessun altro.

Il membro del personale ha deciso che non valeva la pena addebitare una somma così piccola.

Li ha imballati in un sacchetto di plastica e ha usato un pennarello per scrivere “per un test allergologico”.

I manager hanno avuto l’aria dell’incidente ed è stato licenziato nel dicembre 2019 poco prima di Natale.

I colleghi indignati della donna hanno deferito il caso a un sindacato chiamato USB, che ha portato a un tribunale del lavoro. Il sindacato ha detto che la sua sentenza ha ripristinato la “dignità e autostima” della donna.

Il giudice del caso, Vincenzo Nuoli, ha criticato i dirigenti Unicope per aver trattato duramente il personale.

Ma il supermercato ha dichiarato di non essere soddisfatto del verdetto e si sarebbe appellato contro la decisione.

La donna è stata licenziata “per una buona ragione” per aver violato “i doveri fondamentali sul posto di lavoro”.

READ  Santa Lucia per aprire un nuovo ristorante italiano in città d'affari

Ha violato le norme sull’igiene alimentare, “mettendo in pericolo la salute e la sicurezza dei clienti”, ha detto il supermercato. Il caso è “ancora aperto dal punto di vista legale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *