Il “Clyde Spot” su Giove sta iniziando a sembrare molto strano

Il Clyde Spot, rilevato dalla sonda Juno della NASA il 15 aprile 2021.

Il Clyde Spot, rilevato dalla sonda Juno della NASA il 15 aprile 2021.
immagine: NASA / Jet Propulsion Laboratory- California Institute of Technology / SwRI / MSSS / Kevin M.

Lo scorso maggio, improvvisamente spot Indietro Nell’emisfero meridionale di Giove. Ma come nuove foto da Navicella Juno Orario dello spettacolo La caratteristica circolare si trasformò in una misteriosa chiazza di petrolio.

Questa caratteristica è stata rilevata per la prima volta da Clyde Foster, Direttore della Shallow Sky Division della South African Astronomical Society, il 31 maggio 2020. Foster ha scoperto lo spot Usando il suo telescopio da 14 pollici e qFortunatamente, la sonda Juno della NASA si è avvicinata due giorni dopo, consentendo una visione ravvicinata della nuova funzionalità.

Il Clyde Spot, come è noto in modo informale, è un’epidemia convettiva – un pennacchio di nuvole che si estende oltre le creste di una nuvola regolare – e Si trova a sud-est della Grande Macchia Rossa di Giove. Tali focolai Non è raro all’interno della fascia temperata meridionale di un gigante gassoso.

Immagine di Juno che mostra la chiazza di petrolio il 2 giugno 2020.

Immagine di Juno che mostra la chiazza di petrolio il 2 giugno 2020.
immagine: NASA / Jet Propulsion Laboratory- California Institute of Technology / SwRI / MSSS / Kevin M.

Il 15 aprile 2021, Juno ha eseguito 33 Berghof (volo ravvicinato) di Giove, durante il quale ha catturato una nuova vista di Clyde Spot – o almeno in qualche modo. Usato Per essere il furbo Clyde. Il Nuova immagine È stata scattata quando la sonda si trovava a 16.800 miglia (27.000 km) sopra i picchi della nube di Giove. Lo scienziato cittadino Kevin M. Gill ha elaborato l’immagine dai dati grezzi di JunoCam, secondo la NASA.

Il display aggiornato ci ricorda di non essere associati alle belle forme e colori che compaiono sul Giove, perché molti di loro sono di breve durata. L’anno in cui è stato scoperto, il Clyde’s Spot si è allontanato dalla Great Red Spot e si è trasformato in qualcosa di fuori posto in una pozza d’acqua nel parcheggio di una stazione di servizio.

Visualizzazione ingrandita della funzione come appariva il 15 aprile 2021.

Visualizzazione ingrandita della funzione come appariva il 15 aprile 2021.
immagine: NASA / Jet Propulsion Laboratory- California Institute of Technology / SwRI / MSSS / Kevin M.

Queste macchie hanno un termine tecnico: aree piegate e filamentose. E come sottolinea la NASA in a dichiarazione, Questa funzione è “2 volte maggiore in latitudine e 3 volte maggiore in longitudine rispetto alla posizione originale e ha il potenziale per durare per un periodo di tempo prolungato.”

Da qui, la caratteristica sarebbe diventata sempre più oscura e alla fine sarebbe scomparsa dalla vista. Clyde’s Spot non ci sarà più e inevitabilmente apparirà un nuovo posto per sostituirlo. È così che stanno le cose su Giove, poiché la sua atmosfera turbolenta è in costante rotazione.

Di più: Gli astronomi hanno scoperto un “mostro meteorologico unico” su Giove.

READ  Astronomers discover a huge family of stars in the Milky Way

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *