Il capo di Nintendo interrogato dai collaboratori di Switch “Pro” e Classic Mini Console

Inserito da Nintendo Una copia delle ultime domande e risposte per i contributori, nell’ambito dell’81a riunione annuale della società tenutasi ieri, martedì 29 giugno 2021.

Anche se la traduzione ufficiale in inglese non è stata ancora pubblicata Sito web giapponese di NintendoCiò non ha impedito alle persone come noi di Google Translating o alle persone che le amano Cheesemeister su Twitter Fornisci una traduzione molto migliore di Documento di dieci domande Dal servizio predefinito di Google.

Il Q&A copre una varietà di argomenti caldi, da quelli molto seri (problemi di genere e diritti umani nella sua catena di approvvigionamento) alla speculazione (il presunto “Switch Pro” e il potenziale per ulteriori voci nella linea di mini console Classic Mini dell’azienda) a Totalmente pallido (tassi di cambio Euro).

Sfortunatamente, le risposte tendono a cadere in un intervallo [WORDS GO HERE BUT NO COMMENT] categoria. Ad esempio, la traduzione di Cheesemeister del presidente di Nintendo Shuntaro Furukawa che parla delle modifiche all’attuale offerta di Nintendo Switch Online è la seguente:

La tattica di “introdurre l’argomento, discutere il successo dell’argomento, aggiungere un piccolo pezzo di informazione che non risponde realmente alla domanda” è un buon standard.

READ  Ora puoi giocare a Zelda: Breath of the Wild in prima persona grazie a questo difetto appena scoperto

Quando gli è stato chiesto cosa ne pensasse delle voci su Switch Pro dell’E3 2021, Furukawa ha detto (Tramite la traduzione di Cheesemeister):

Un’altra risposta “sviluppiamo sempre hardware” là fuori – Doug Bowser ne sarebbe orgoglioso.

È una storia simile con la possibilità di mini console classiche (“Continueremo a pensare a come trasmettere il loro fascino alle nuove generazioni”.). Sulle questioni di genere, Furukawa era altrettanto ambiguo:

Come ho già detto VGC, Furukawa ha anche posto una domanda sulle questioni relative ai diritti umani nella sua catena di approvvigionamento, a cui ha risposto con la seguente risposta Grazie VGC)

Siamo a conoscenza del fatto che è stato riferito che gli uiguri potrebbero essere stati costretti a lavorare nelle nostre fabbriche della catena di approvvigionamento. Tuttavia, per quanto abbiamo indagato sull’impianto a cui si fa riferimento nel rapporto, non siamo stati in grado di trovare alcuna traccia del fatto che fosse nostro partner commerciale, né abbiamo ricevuto segnalazioni di lavoro forzato nella nostra catena di approvvigionamento.
Per garantire che non si verifichino lavori forzati nella nostra catena di approvvigionamento, abbiamo stabilito una Politica sugli appalti CSR e richiediamo ai nostri fornitori di rispettare le nostre attività in base alle Linee guida per gli appalti CSR di Nintendo.
Operiamo in base a una politica secondo cui se esiste un rischio reale o serio di lavoro forzato, non solo per gli uiguri, smetteremo di fare affari con loro.
In qualità di azienda globale, continueremo a lavorare con i nostri partner di produzione per attuare politiche etiche in materia di produzione, manodopera e fornitura e per garantire una produzione di massa di alta qualità. Oltre ai prodotti di abbigliamento, aderiamo anche alle stesse politiche che abbiamo appena descritto per i nostri fornitori.

Stiamo ancora cercando risposte ad altre domande e stiamo lottando con diverse traduzioni. Nel frattempo, dai Cheesemaister Follow-up, giusto? E sentiti libero di valutare Furukawa-san per la sua mancanza di risposte abili nei commenti qui sotto.

READ  The 21 most anticipated indie games of 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *