Il capitano del Galles Jones mette in guardia contro la sottovalutazione dell’Italia

Il capitano gallese Alon Wayne Jones ha detto venerdì che non c’è rischio che la sua squadra che insegue il Grande Slam affronterà l’Italia in leggera difficoltà nel Campionato Sei Nazioni a Roma questo fine settimana.

Molti critici vedono la partita di sabato a Roma come un risultato inevitabile dato che l’Italia ha perso 30 vittorie consecutive nel torneo risalente al 2015.

Gli uomini di Jones hanno vinto le ultime 15 partite contro le Azzorre e un’altra vittoria li terrà a soli 80 minuti da un potenziale torneo del Grande Slam prima della trasferta in Francia del prossimo fine settimana.

Il Galles aveva già battuto le campionesse Irlanda, Scozia e Inghilterra.

“Storicamente, l’Italia è migliorata durante la competizione”, ha detto Jones.

“Abbiamo visto quanto potevano essere pericolosi nei loro hub da 9 a 10, i loro aggressori hanno infastidito alcune squadre ed è così facile entrare quando tutti fuori dicono cosa puoi e puoi fare.

“Quindi ci siamo occupati di questo e ci siamo concentrati su quelle cose che sono molto chiare e importanti nei miglioramenti che la squadra italiana ha mostrato”.

Welles ha vinto solo tre partite nel 2021 quando il nuovo allenatore Wayne Bevak ha subito un inizio difficile per il suo mandato in carica dopo essere stato sostituito dal compagno neozelandese Warren Gatland.

Ma Bevac ha detto che il suo obiettivo durante la Coppa delle Nazioni Autunnali in particolare era quello di sviluppare nuovi talenti in vista della Coppa del Mondo di rugby 2023 in Francia, con Louis Reese Zamette, Callum Sheedy e James Botham nel gruppo di prova.

READ  Romelu Lukaku: il Chelsea è disposto a pagare 93,25 milioni di sterline all'Inter per rinnovare l'attaccante | notizie di calcio

Il veterano Luke Jones, il giocatore internazionale con più presenze al mondo, pensa che la politica dell’ex presidente Scarlitz stia ora dando i suoi frutti.

“La dichiarazione di intenti di Wayne in autunno era che le persone avrebbero avuto opportunità”, ha detto il 35enne, che ha collezionato 155 presenze con Galles, Gran Bretagna e Irlanda.

“Guardi Callum Sheedy, James Botham, quei ragazzi che hanno avuto la possibilità mentre erano nella squadra.

“Queste persone vengono con la voglia di dimostrare il loro punto di vista, e quando lo fanno, coinvolge tutti. Questi volti nuovi possono farlo e siamo fortunati ad averli”.

jdg / jw / iwd

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *