Il Canale di Suez: le razioni di carburante della Siria mentre falliscono gli sforzi per liberare una nave ferma | canale di Suez

Le autorità siriane affermano di aver iniziato a razionare il carburante come divieto d’ingresso canale di Suez Al sesto giorno, che ha ritardato spedizioni vitali e ha esacerbato la carenza di petrolio del paese.

La Siria è precipitata nella guerra civile dal 2011 e deve affrontare una grave crisi economica. Aveva già annunciato un aumento di oltre il 50% dei prezzi della benzina a metà marzo.

Le catene di approvvigionamento globali sono state interrotte da martedì, quando la gigantesca nave portacontainer Evergreen si è arenata ed è rimasta intrappolata diagonalmente attraverso il canale, bloccando l’importante corso d’acqua in entrambe le direzioni.

Contrariamente alle precedenti affermazioni secondo cui i venti erano dietro la delinquenza, il capo dell’Autorità del Canale di Suez, Osama Rabie, ha dichiarato sabato: “I forti venti e i fattori meteorologici non erano le ragioni principali per la messa a terra della nave, in quanto potrebbero essere tecnici o umani errori.”

Spera di far galleggiare nuovamente la nave nel giro di pochi giorni, ma sono arrivati ​​i giorni di spalare, scavare e spingere il gommone Finora non ha funzionato.

Più a lungo Ever Given rimane sul posto, le dimensioni del grattacielo, ha detto Rabie, più è probabile che avrà bisogno di alleggerire il suo carico con le gru, secondo gli esperti di strategia probabilmente prolungherebbe gli sforzi di salvataggio per settimane.

Più di 300 navi stanno ora calpestando le acque su entrambe le estremità del canale che collega il Mediterraneo e il Mar Rosso.

Il ministero siriano del petrolio ha dichiarato sabato che la chiusura della rotta commerciale ha influenzato le importazioni di petrolio e ha rallentato l’arrivo di una nave che trasportava carburante e prodotti petroliferi dall’alleato del governo iraniano.

La dichiarazione del ministero afferma che il ministero, in attesa di una decisione, sta razionalizzando la distribuzione dei prodotti petroliferi disponibili per garantire la continuità dei servizi di base come panifici e ospedali.

Il ministro del petrolio Bassam Tohme ha detto alla televisione di stato che la spedizione dovrebbe arrivare al porto di Baniyas venerdì. Ha aggiunto che se il blocco continua nel canale, la nave potrebbe reindirizzare attorno alla punta meridionale dell’Africa, una deviazione costosa che molte compagnie hanno dovuto esaminare a causa del blocco.

Il ministro siriano del petrolio ha dichiarato a febbraio che il paese aveva goduto di una relativa indipendenza energetica prima della guerra in Siria, ma che nell’ultimo decennio aveva perso i ricavi degli idrocarburi stimati in 91,5 miliardi di dollari.

La produzione prebellica era di 400.000 barili al giorno, rispetto ai soli 24.000 del 2019.

Fino a 80.000 barili al giorno provenivano da aree curde fuori dal controllo del governo, dove si trova più del 90% delle riserve del paese.

Il governo siriano ha attribuito la crisi economica alle sanzioni occidentali e all’impatto dannoso del disastro finanziario nel vicino Libano, che era servito a lungo come ancora di salvezza economica della Siria.

Con Agence France-Presse

READ  Australia changes the word in the national anthem to honor the indigenous people

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *